GustavoRinaldi’s Academic Site


Domande di macroeconomia

In certi periodi
e’ possibile presentare domande. Si consiglia di cogliere l’opportunita’ quando c’e`.

Le domande:

1) devono essere basate sul testo di Blanchard, ultima edizione, o sulle slides inviate agli studenti;
2) non devono ripetere quelle gia` presentate da altri;
3) devono cercare di toccare nuovi temi [rispettando il punto 1)];
4) Devono essere

    scritte in italiano corretto

;
5) Quando usano simboli, devono utilizzare gli stessi simboli che usa il libro di Blanchard;
6) Devono avere 5 risposte;
7) Non possono includere “nessuna delle precedenti” come una delle 5 risposte;
8) Devono includere solo una risposta inequivocabilmente da segnare [perche’ giusta o sbagliata];
9) Non devono essere ambigue, non devono avere piu’ di una risposta che possa sembrare accettabile;
10) Norma cancellata.
11) Ogni domanda da diritto a 0.1333 punti. (3 domande  0,5 punti)
Per “domande” si intendono domande accettate dal docente per lezioni diverse. Due domande per la stessa lezione valgono come una domanda.
12)Non possono venire corrette. Si invita pertanto a depositarle dopo averle controllate bene.
13) Le risposte non devono essere “concatenate”; la seconda risposta non deve presupporre la lettura della prima, ne` la terza deve presupporre la lettura della seconda. Ogni risposta deve essere comprensibile senza far riferimento ad altre risposte.
14) Nel processo di correzione viene data precedenza a chi nei due scritti ha conseguito almeno 17  punti; chi non ha conseguito almeno tale risultato non puo’ far valere i punti delle domande in alcun modo.
15) Non devono essere banali.
16) Uno studente che pensi che il docente abbia accettato una domanda ambigua, ovvero con un numero di risposte accettabili diverso da 1, potra’ segnalarlo al docente tramite e-mail; riceverà un premio di 0,1 punti, se la domanda verrà cambiata.
17) Se all’esame qualche studente riterra` ambigua qualche domanda gia’ pubblicata ed accettata sul sito, potra’ lamentarsi di detta domanda, solo se aveva gia’ precedentemente segnalato al docente l’ambiguita’ della suddetta secondo il punto 16) di questo regolamento.
18) All’esame il docente utilizza domande nuove e domande pubblicate sul sito, anche se quelle pubblicate sul sito sono normalmente la grande maggioranza.

Advertisements

62 Comments

A Secondo la contabilita` nazionale. le famiglie (cercare la frase vera)
1. Non effettuano investimenti
2. Effettuano solo consumi
3. Effettuano investimenti tutte le volte che comperano immobili
4. Investono in immobili nuovi
5. Investono in borsa

Comment by GR

IL PIL A VALORI O PREZZI COSTANTI E’ CHIAMATO ANCHE….
• Pil reale
• Pil nominale
• Pil aggiustato per l’inflazione
• Deflattore del pil
• Pil nominale e Pil aggiustato per l’inflazione
Rif cap 2 par 1.2
_______________________________________________
Commento di G.R.:
Non avevamo messo un limite al numero di risposte giuste? RIFIUTATA
___________________________________________
LA DOMANDA DI BENI PUO’ ESSERE RAPPRESENTATA CON QUALE DELLE SEGUENTI FORMULE?
• Z=co+c1+( Y-T)+I+G
• Z=co+c1+Yd+i+G
• Z=I+co+c1Yd+G
• Z=C(Y+T)+I+G
• Z=c1+coYd+I+G
Rif cap 3 par 2

_______________________________________________
Commento di G.R.:
Va Bene.
___________________________________________

Comment by luigi

Lezione1
Il prodotto interno lordo(Y) NON è
1.Y+M=C+I+G+X
2.la somma dei redditi nell’economia in un dato periodo
3.il valore di b/s finali prodotti nell’economia in un dato periodo
4.la somma dei fatturati delle imprese dell’economia in un dato periodo
5.la somma del valore aggiunto delle imprese dell’economia in un dato periodo

________________________________________________
G.R. : Non avevamo messo un limite al numero di risposte giuste? RIFIUTATA
________________________________________________

Lezione2
Tra le seguenti affermazioni sulla disoccupazione individuare la sola esatta:
1.una persona disoccupata è chi non ha un lavoro e non lo cerca da 2 mesi
2.la forza lavoro è data da:occupati + disoccupati +lavoratori scoraggiati
3.il tasso di disoccupazione non può mai essere troppo basso
4.il tasso di partecipazione è dato dal rapporto forza lavoro/totale della popolazione in età lavorativa
5.il tasso di disoccupazione (u) è dato da disoccupati (U) / occupati (N)

______________________________
G.R. : Va bene
_____________________________

Lezione 3
In riferimento alla relazione lineare C=c0+c1Yd dire quale enunciato è falso:
1.C è una variabile endogena
2. c1 indica la propensione marginale al consumo
3. c1 si pone sia positivo e minore di uno
4. c0 rappresenta il consumo desiderato con un reddito disponibile Yd nullo
5. di conseguenza c0 è negativo, perché se Yd è nullo il consumatore non può consumare nulla

______________________________
G.R. : Va bene
_____________________________

Comment by Elisa Rosanna Mourglia

Cap.1
Qual è stata la politica economica del Giappone per tentare di arginare la recessione dopo il crollo del mercato azionario:
Alti tassi d’ interesse, maggiore imposizione fiscale, minore spesa pubblica.
Bassi tassi d’ interesse, minore imposizione fiscale, minore spesa pubblica.
Bassi tassi d’ interesse, minore imposizione fiscale, maggior spesa pubblica.
Alti tassi d’ interesse, minore imposizione fiscale, maggior spesa pubblica.
Bassi tassi d’ interesse, maggiore imposizione fiscale, maggior spesa pubblica.

______________________________
G.R. : Va bene
_____________________________

Cap. 2
L’ indice dei prezzi al consumo (IPC) si basa sui prezzi di un paniere di beni di consumo:
Che viene scelto dai consumatori.
Che viene rivisto ogni 10 anni.
Che viene rivisto ogni 5 anni.
Che aumenta costantemente nel tempo.
Che si svaluta costantemente del 2%.
______________________________
G.R. : Va bene
_____________________________

Cap. 3
La funzione di consumo è:
C = C(Yd)-T
Un’ equazione di comportamento.
Uguale alla propensione marginale al consumo
Una funzione dove C e Yd sono inversamente proporzionali.
Uguale alla propensione marginale al consumo – 1.

______________________________
G.R. : Va bene
_____________________________

Comment by Giulia Parodi 328491

Cosa non è il CERI?
1) Y = C + I + G
2) Y = C + I + G + X – M
3) PIL + X = C + I + G + M
4) PIL + M = C + I + G + X

—————————–
G.R. va bene, ma devono essere 5 RIFIUTATA
——————————–
Quali delle seguenti affermazioni è sbagliata?
1) una variazione del prezzo dei beni importati non influenza l’indice del prezzi al consumo (IPC)
2) Il deflatore del PIL si ottiene dividendo il PIL normale per il PIL reale
3) Un aumento del risparmio autonomo riduce il livello del reddito di equilibrio
4) Nell’anno base PIL reale e PIL nominale coincidono

—————————–
G.R. non avevamo fissato un limite al numero di risposte esatte (o sbagliate) RIFIUTATA
——————————–

Il tasso di partecipazione è?
1) Il rapporto tra gli individui occupati e la popolazione in età lavorativa
2) Il rapporto tra la popolazione in età lavorativa ed i disoccupati
3) Il rapporto tra la forza lavoro e la popolazione in età lavorativa
4) Il rapporto tra la popolazione in età lavorativa e la forza lavoro

—————————–
G.R. va bene ma devono essere 5 RIFIUTATA
——————————–

Comment by Luana Pautasso Grosso

Il Prodotto Nazionale Netto è definito come:

A. PNL + i redditi netti dall’estero
B. PNL – consumo di capitale fisso
C. Somma dei redditi nell’economia in un dato periodo di tempo
D. PNL – consumo di capitale variabile
E. Valore di mercato dei beni e servizi finali prodotti dalla forza lavoro e dagli altri fattori produttivi forniti dai residenti del paese

—————————–
G.R. va bene
——————————–

Il tasso :

A. E’ un rapporto tra una differenza e un valore di riferimento
B. ▲X = Xt – Xt+1
C. ▲X / Xt
D. i-1
E. X t+1/ Xt

—————————–
G.R. va bene
——————————–

F.
Se ci fosse un solo paese…:

A. X = IM = 0
B. P = costante = K
C. C + I + G + X = Z
D. C + G + I = Z
E. Non esiste il mondo esterno

____________________________________________
G.R. Non avevamo limitato il numero di risposte giuste o sbagliate? RIFIUTATA
________________________________________________________

Comment by Nadia Tavella

Lezione 1
Negli ultimi quaranta anni il tasso di disoccupazione europeo è:
1. Passato da un livello molto superiore ad un
livello molto inferiore rispetto a quello
statunitense.
2. Passato da un livello molto inferiore ad un
livello molto superiore rispetto a quello
statunitense.
3. Sempre stato superiore rispetto a quello
statunitense.
4. Sempre stato inferiore rispetto a quello
statunitense.
5. Nessuna delle precedenti.

————————————
G.R. Va bene.
_________________________________
Lezione 2
Il tasso di crescita del PIL reale è:
1. Uguale alla differenza tra il tasso di
crescita del PIL nominale e il tasso di
inflazione.
2. Approssimativamente uguale alla somma tra il
tasso di crescita del PIL nominale e il tasso
di inflazione.
3. Uguale al rapporto tra PIL nominale e
deflattore del PIL.
4. Approssimativamente uguale alla differenza
tra il tasso di crescita del PIL nominale e
il tasso di inflazione.
5. Approssimativamente uguale alla differenza tra
il PIL nominale e il tasso di inflazione.

————————————
G.R. Va bene.
_________________________________
Lezione 3
Nel mercato dei beni se il governo aumenta i trasferimenti netti:
1. La domanda aggregata diminuisce.
2. Il reddito disponibile aumenta.
3. I consumi rimangono costanti.
4. La spesa pubblica aumenta.
5. Nessuna delle precedenti.

————————————
G.R. Va bene.
_________________________________

Comment by Daniele Pepe

Capitolo 3
Barrare la risposta falsa.
1. Le esportazioni (X) sono gli acquisti di beni nazionali da parte del resto del mondo e le importazioni (IM) sono gli acquisti di beni esteri da parte dei residenti.
2. La f(x) del consumo esprime in funzione del reddito lordo il consumo stesso.
3. S=I può essere un’alternativa all’equilibrio sul mercato dei beni a Y=Z.
4. L’investimento in scorte può essere sia positivo sia negativo.
5. Se il governo volesse aumentare di 1 mlrd € la produzione non dovrebbe far altro che aumentare G di (1-C1) mlrd di euro.
_____________________________
GR Mi sembra un po’ ambigua, prego correggerla. RIFIUTATA
______________________________

Comment by Rege Elvis

N.B.: nella domanda relativa al cap. 3,Y si intende con pedice d.

Comment by Giulia Parodi 328491

1. Nel calcolo del PIL:
A) il valore dei beni intermedi non è incluso nel valore dei beni finali;
B) il valore aggiunto è pari alla somma fra valore della produzione e valore dei beni intermedi;
C) l’output di un’impresa non è incluso nel calcolo, se è utilizzato come input da un’altra impresa;
D) i beni prodotti l’anno precedente ma venduti nell’anno in corso sono inclusi nel calcolo.
___________________________________
GR: Direi che e` un po’ ambigua; le risposte non dovrebbero essere 5?
RIFIUTATA
_______________________________
2. Se un individuo acquista una automobile usata:
A) il PIL aumenta;
B) il PIL rimane invariato;
C) il PIL diminuisce;
D) il PIL nominale aumenta ma non quello reale.

le risposte non dovrebbero essere 5?
RIFIUTATA

Comment by michele

Capitolo 2
Si ricerchi la affermazione vera.
1. Variazioni di Pil reale non corrispondono a cambiamenti di quantità ma di prezzi.
2. Deflazione e recessione non avvengono nello stesso periodo, non essendo la stessa cosa.
3. Se il tasso d’inflazione è positivo, con la conseguente riduzione dei prezzi, possiamo parlare di deflazione.
4. Il tasso d’inflazione può differire a seconda dell’uso del deflatore o del CPI dato che tengono conto rispettivamente dei prezzi dei beni consumati e di quelli dei beni prodotti. Perciò se il prezzo dei beni IM aumenta rispetto a quello dei beni prodotti il CPI aumenta più velocemente del deflatore.
5. Avendo una serie di tre anni (anno 0, 1 e 2)e rispettivi Pil reali con base anno 0, se decidessi di cambiare anno base imponendo l’anno 2 (e quindi cambiando prezzo di riferimento) per tutti e tre gli anni otterrei Pil reali diversi, ma medesimi tassi di crescita tra un anno e l’altro.

_____________________________________________
G.R. Va bene
____________________________________________

Comment by Rege Elvis

cap 1
Che cosa si intende per tasso di disoccupazione?
1.il livello di produzione dell’intera economia e il suo tasso di crescita
2. la proporzione di lavoratori nell’economia che non sono occupati e stanno cercando un lavoro
3. la proporzione di lavoratori nell’economia che sono occupati e quindi non cercano un lavoro
4. il tasso al quale il il prezzo medio dei beni nell’economia accresce nel tempo

G.R. Bene, ma ci vogliono 5 risposte. Prego aggiungerne una
RIFIUTATA

Cap 2
fino agli anni ’40, negli stati uniti, qual’era l’unico dato disponibile sulla disoccupazione?
1.le registrazioni agli uffici di collocamento
2.il rapporto fra il numero dei residenti e quello degli occupati
3.il numero dei sussidi di disoccupazione emessi
4. il rapporto tra il numero delle famiglie e il numero delle nascite.

G.R. Bene, ma ci vogliono 5 risposte. Prego aggiungerne una
RIFIUTATA
cap 3
da cosa è dato l’equilibrio sul mercato dei beni?
1. C=I
2. Y=Z
3. G=T
4. C=Y

G.R. Bene, ma ci vogliono 5 risposte. Prego aggiungerne una
RIFIUTATA

Comment by elisa gilli

Riferimento: capitolo 2 paragrafo 1.2

Scegliere l’affermazione opportuna per completare la seguente frase:

Un generico paese “T” ha un PIL reale doppio rispetto a quello di un generico paese “Z”, dunque:

1-“T” è economicamente due volte più grande di “Z”.
2-Per poter affermare che “T” è economicamente due volte più grande di “Z” occorre sapere anche il rispettivo numero di abitanti dei due paesi.
3-Non è corretto paragonare il PIL di paesi diversi, perché il PIL reale è una misura non dipendente dalla grandezza dell’economia del paese.
4-Gli abitanti del generico paese “T” godono di un tenore di vita due volte più elevato rispetto a quello degli abitanti del generico paese “Z”.
5-Nessuna delle precedenti affermazioni è corretta.
——————————
G.R.: Va bene

Comment by Riccardo Cavazzana

CAP-1
Il prodotto nazionale lordo pro capite:
a) è il prodotto nazionale lordo diviso gli ammortamenti.
b) è il prodotto nazionale netto moltiplicato per la popolazione.
c) è il prodotto nazionale lordo diviso la popolazione
d) è il prodotto nazionale lordo moltiplicato per la popolazione.
CAP 2
I lavoratori scoraggiati sono:
a) persone che hanno un lavoro mal retribuito.
b) persone considerate dentro la forza lavoro.
c) persone licenziate di recente.
d) persone che non hanno un lavoro e non provano nemmeno a cercarne uno.
OPPURE CAP 2
Il deflattore del pil è:
a)è la moltiplicazione tra pil nominale e pil reale nell’anno t
b)il rapporto tra pil nominale e pil reale nell’anno t.
c)il rapporto tra pil nominale nell’anno t e il pil reale,il tutto moltiplicato per il tasso d’inflazione.
d)il rapporto tra pil reale nell’anno t e il pil nominale nell’anno t+1.
CAP 3
Si crocetti la risposta esatta
a)le variabili C, I e G sono considerate variabili endogene.
b)le variabili I, G, T sono considerate variabili esogene.
c)le variabili C, G e T sono considerate come variabili esogene.
d)le variabili I, G e T sono considerate variabili endogene
_________________________________________
G.R. :
A) metta 5 risposte
B) La 3 non e` chiara

TUTTE RIFIUTATE

Comment by Fulvio Celeghini

Capitolo 1
Si ricerchi la parte che completa correttamente l’affermazione.
Con disavanzi di bilancio prolungati nel tempo:
1. per un dato ammontare di risparmio privato, quanto più il governo prende a prestito, tanto più rimane per l’investimento privato.
2. avremo minore accumulazione di capitale e di conseguenza meno produzione in futuro.
3. avremo invece maggiore accumulazione di capitale e perciò maggiore produzione in futuro.
4. le imposte difficilmente verranno aumentate con il passare del tempo.
5. la spesa pubblica e tagli fiscali non influiscono in alcun modo sul disavanzo.

Capitolo 3
Si ricerchi la frase falsa.
1. Le esportazioni (X) sono glia acquisti di beni nazionali da parte del resto del mondo e le importazioni (IM) sono gli acquisti di beni esteri da parte dei residenti.
2. Nell’equilibrio del mercato dei beni, l’aumento della spesa autonoma ha un effetto proporzionale sulla produzione di equilibrio.
3. S=I può essere un’alternativa all’equilibrio sul mercato dei beni a Y=Z.
4. L’investimento in scorte può essere sia positivo sia negativo.
5. Se il governo volesse aumentare di 1 mlrd € la produzione non dovrebbe far altro che aumentare G di (1-C1) mlrd di euro.

GR: Bene la 1, la 3 e` ambigua o errata

RIFIUTATA LA 3

Comment by Rege Elvis

LEZ 1. Il reddito disponibile è:
a)il reddito derivante dalla produzione di beni e servizi da parte dei residenti di un Paese
b)il reddito effettivo percepito dagli individui
c)il reddito che rimane dopo che i consumatori hanno ricevuto i trasferimenti e pagato le imposte dovute al fisco
d)il reddito ricevuto dai residenti di un Paese da attività finanziarie estere
e)il valore del reddito che, sostituito ai redditi presenti e futuri, non ne altera il valore presente scontato

LEZ 2. Indicando con L la forza lavoro, con N il numero di persone occupate e con U il numero di persone disoccupate:
a) L=N/U
b) L=U/N
c) L=N+U
d) L=N-U
e) L=U-N

LEZ 3. La produzione di equilibrio è il punto in cui la produzione è uguale:
a)alla propensione marginale al consumo
b)al reddito disponibile
c)alla domanda
d)al PIL reale
e)agli investimenti
___________________________________________
GR.
Van bene

Comment by Enrica Vaglienti

Curva IS-LM
In presenza di una politica fiscale restrittiva: (segnare quella falsa)

A La curva IS si sposta verso sinistra
B diminuisce il tasso di interesse ed il reddito è minore
C l’investimento diminuisce, con la riduzione del reddito
D l’investimento non per forza si riduce
E la curva LM non si sposta

I doppi due punti confondono le idee.
G.R. Va bene.

Nel mercato del lavoro (segnare la risposta vera):

A W è una funzione crescente di U
B W è una funzione del prezzo dei prodotti
C se il salario minimo aumenta, la curva WS si sposta verso destra
D se il salario minimo aumenta, la curva WS si sposta verso sinistra
E nel grafico il salario reale si trova sull’asse delle ascisse
GR
Per sta volta va bene, ma faccia piu’ attenzione al linguaggio.

Comment by Nadia Tavella

Lez.4 Se il tasso di interesse aumenta cosa conviene fare?

a)conviene di più detenere titoli che moneta
b)conviene di più detenere moneta che titoli
c)conviene sempre detenere moneta
d)il tasso d’interesse non influisce sulla convenienza per il consumatore
e)conviene sempre detenere titoli

G.R. Si’.

Lez5 indicare l’affermazione vera sull’investimento

a)investimento dipende dalla produzione e non dal tasso d’interesse
b)investimento è una variabile endogena
c)investimento dipende dal tasso d’interesse e non dalla produzione
d)investimento non dipende nè dal tasso d’interesse nè dalla produzione
e)investimento dipende sia dal tasso d’investimento sia dalla produzione

G.R. Specificare in che modello. RIFIUTATA

lez6 quale di queste affermazioni sull’equazione dei salari è falsa:

a)è una curva decrescente
b)il salario è la variabile dipendente
c)il tasso è la variabile indipendente
d)il salario diminuisce all’aumentare del tasso di disoccupazione
e)il sussidio non influisce sull’equazione dei salari

GR: in questa domanda qualcuna delle affermazioni e` poco precisa. Sia piu’ precisa. RIFIUTATA

Comment by Veneziano Sara

LEZ1. LA DOMANDA DI MONETA DIPENDE:

a)positivamente dal pil nominale e negativamente dal tasso di interesse
b)positivamente dal pil nominale e positivamente dal tasso di interesse
c)negativamente dal pil nominale e negativamente dal tasso di interesse
d)negativamente dal pil nominale e positivamente dal tasso di interesse
e)non dipende ne dal pil nominale ne dal tasso di interesse

G.R. Si’. Ma la lezione non e`la 1. RIFIUTATA

LEZ5. SE IL GOVERNO ATTUA UNA CONTRAZIONE FISCALE

a)aumenta le imposte lasciando invariata la spesa pubblica
b)diminuisce le imposte lasciando invariata la spesa pubblica
c)aumenta la spesa pubblica lasciando invariato le imposte
d)diminuisce la spesa pubblica lasciando invariato le imposte
e)nessuna delle precedenti

G.R. C`e` un problema. Va corretta. RIFIUTATA

LEZ6. quale delle seguenti affermazioni sulla concorrenza perfetta è falsa?

a)c’=W
B)P=W
C)P=C’
D)P=(1+markup)w
e)il prezzo in concorrenza perfetta è minore di un prezzo in un mercato monopolistico

G.R. C’e’ un problema. Va corretta. RIFIUTATA

Comment by Nigro Francesco

Riferimento: capitolo 1 paragrafo 2. L’Unione Europea

Quale tra i seguenti effetti causati dall’Euro, potrebbe portare con sé qualche costo economico?

1-Importanza simbolica di una moneta comune.
2-Abolizione delle variazioni dei tassi di cambio, per acquisti e vendite che avvengono tra gli stati dell’“area euro”.
3-Cessazione della necessità di cambiare moneta per viaggiare tra i paesi europei che hanno adottato l’euro.
4-Creazione di una grande potenza economica del mondo.
5-Politica monetaria comune e stesso tasso d’interesse in tutti i paesi europei.

G.R. : Si’

Comment by Riccardo Cavazzana

Riferimento: capitolo 3 paragrafo 1.

Si ha disavanzo commerciale soltanto se:

1-Esportazioni minori di Importazioni
2-Esportazioni maggiori di Importazioni
3-Produzione minore di Vendite
4-Produzione maggiore di Vendite
5-Assenza di esportazioni e importazioni

G.R. : Si’

Comment by Riccardo Cavazzana

Capitolo 5
Si ricerchi la risposta vera.
1. L’aumento della Moneta comporta non solo spostamenti nella IS, ma anche nella LM.
2. Per derivare alla determinazione della curva IS si richiede che la produzione si una funzione crescente del tasso di interesse.
3. Le imposte comportano lo spostamento della LM.
4. Se (G-T) aumenta parliamo di espansione fiscale, se diminuisce di stretta fiscale.
5. La diminuzione di offerta di moneta è detta contrazione monetaria che comporta però un incremento dello stock nominale di moneta da parte della BC.
________________________________________
GR: Correggere l’italiano ed aumentare la precisione, poi la valutero’.
RIFIUTATA

Comment by Rege Elvis

lezione1
se individuo acquista un automobile nuova ed una usata
a)il PIL aumenta
b)il PIL rimane invariato
c)il PIL diminuisce
d)il PIL nominale aumenta ma non quello reale
e)nessuna delle precedenti
lezione 2
il tasso d’inflazione nell’anno t è dato:
a)dall’indice dei prezzi al consumo nell’anno t
b)dal rapporto tra l’IPC nell’anno t e quello dell’anno t-1
c)dalla variazione % dell’IPC tra l’anno t-1 e l’anno t
d)dal rapporto tra l’IPC nell’anno t e quello dell’anno t+1
e)nessuna delle precedenti
lezione 3
la propensione marginale al consumo indica:
a)la quota di reddito che gli individui consumano
b)la quota di reddito disponibile che gli individui consumano
c)l’incremento di consumo per ogni unità aggiuntiva di reddito disponibile
d)un numero negativo
e)nessuna delle precedenti
____________________________________________________
GR: Van tutte e tre bene.

Comment by christian brusa

Lezione 4
Supponendo che un titolo di Stato sia annuale, il suo prezzo oggi è uguale:
1. Al rapporto tra (1+i) e il rimborso finale.
2. Al prodotto tra il rimborso finale ed il tasso
di interesse.
3. Alla somma tra il rimborso finale e il tasso
di interesse.
4. Al rapporto tra il rimborso finale e (1+i).
5. Al prodotto tra il rimborso finale e (1+i).
Lezione 5
Secondo il modello IS-LM in seguito ad un aumento del disavanzo di bilancio:
1. La curva IS non si sposta.
2. Si provoca una diminuzione del reddito
disponibile.
3. Non possiamo dire con certezza quale sia
l’effetto sugli investimenti.
4. La curva LM si sposta verso l’alto
5. L’equilibrio si sposta verso una minore
produzione ed un minor tasso di interesse.
Lezione 6
Tra le seguenti affermazioni sul mercato del lavoro trovare quella falsa:
1. Quanto maggiore è il markup tanto minore è il
salario reale derivante dalla determinazione
dei prezzi.
2. Quanto maggiore è l’efficienza di una legge
antitrust tanto maggiore è il livello dei
salari reali derivante dalla determinazione
dei prezzi.
3. Data una certa equazione dei salari, quanto
minore è il livello dei prezzi fissati tanto
minore è il livello di produzione naturale.
4. Quanto maggiore è la concorrenza tanto
maggiore è il salario reale derivante dalla
determinazione dei prezzi.
5. Quanto minore è il tasso di disoccupazione
tanto maggiore è il livello di occupati.

____________________________________
G.R. Va bene

Comment by Daniele Pepe

Capitolo 4
Si ritrovi l’enunciato falso.
1. La domanda di moneta emessa dalla BC è uguale alla domanda di circolante da parte degli individui più la domanda di riserve da parte delle banche.
2. Si definisce “moneta ad alto potenziale” poiché i suoi aumenti portano ad aumenti proporzionali dell’offerta aggregata di moneta.
3. Le persone detengono solo depositi, perciò c=0, di conseguenza il moltiplicatore è 1/θ.
4. Quanto più è elevato il prezzo del titolo, tanto minore sarà il tasso di interesse pagato dal titolo stesso.
5. L’offerta di riserve può essere uguale anche all’offerta di moneta emessa dalla BC meno la domanda di circolante da parte delle persone.
PROBLEMI DI COMPRENSIBILITA’ : RIFIUTATA

Capitolo 5
Si ricerchi la risposta vera. (corretta)
1. L’aumento della quantita` di moneta comporta non solo spostamenti nella curva IS, ma anche nella curva LM.
2. Per giungere alla determinazione della curva IS si richiede che la produzione si una funzione crescente del tasso di interesse.
3. Le imposte comportano lo spostamento della curva LM.
4. Se (G-T) aumenta parliamo di espansione fiscale, se diminuisce di stretta o contrazione fiscale.
5. La diminuzione di offerta di moneta è detta contrazione monetaria che comporta però un incremento dello stock nominale di moneta da parte della BC.

PROBLEMI DI COMPRENSIBILITA’ : RIFIUTATA

Cap. 6
Si ricerchi l’affermazione vera.
1. L’aumento dei sussidi di disoccupazione comporta che ci sia uno spostamento del p.to di equilibrio lungo la curva WS e che la disoccupazione di equilibrio aumenti.
2. La relazione tra salario reale (W/P) e tasso di disoccupazione (u) è positiva.
3. Il livello naturale di occupazione è quel livello di occupazione in corrispondenza di una disoccupazione uguale al suo tasso naturale.
4. In concorrenza perfetta abbiamo P=(1+μ)W ed in non concorrenza si è nel caso P=W.
5. La disoccupazione è bassa in recessione e alta in periodi di espansione perciò la probabilità di perdere il lavoro in periodi di espansione aumenta.

GR VA BENE

Comment by Rege Elvis

Per il capitolo 5, scusandomi, si consideri questa domanda e non quella precedente perchè nuovamente immessa per errore mio con quelle relative agli altri capitoli.

Capitolo 5
Si ricerchi l’affermazione vera.
1. Data l’offerta reale di moneta, un aumento della produzione comporta una diminuzione del tasso di interesse. Perciò la curva LM è negativamente inclinata.
2. Per giungere alla determinazione della curva IS si richiede che la produzione sia una funzione crescente del tasso di interesse.
3. Le imposte comparendo nella relazione LM, comportano lo spostamento della stessa curva LM.
4. Se (G-T) aumenta possiamo dire che si tratta di espansione fiscale, se diminuisce di stretta o contrazione fiscale.
5. La diminuzione dell’offerta di moneta è detta contrazione monetaria; essa comporta un incremento dello stock nominale di moneta da parte della Banca Centrale.

GR VA BENE

Comment by Rege Elvis

IL PIL A VALORI O PREZZI CORRENTI E’ CHIAMATO ANCHE….
• Pil reale
• Pil nominale
• Pil aggiustato per l’inflazione
• Deflattore del pil
• Pil nominale e Pil aggiustato per l’inflazione
Rif cap 2 par 1.2

Correzione 20/10/2008 11.00

QUALI SONO STATE LE CONSEGUENZE POLITICHE MACROECONOMICHE DELLA RECESSIONE DEL 2001 NEGLI STATI UNITI?

· Sono aumentati i tassi d’interesse
· Sono diminuiti i tassi d’interesse ma sono aumentate le imposte
· Sono aumentate le importazioni
· Sono diminuite le imposte
· Nessuna affermazione delle precedenti è veritiera

Rif cap 1 par 1

Comment by luigi cottino

Riferimento: capitolo 4 paragrafo 2.1

In riferimento alle curve di domanda e offerta di moneta, individuare la frase corretta:

1-Un aumento dell’offerta di moneta fa aumentare il tasso di interesse
2-Un aumento dell’offerta di moneta riduce il tasso di interesse
3-Una diminuzione dell’offerta di moneta riduce il tasso di interesse
4-Un aumento del reddito nominale riduce il tasso di interesse
5-Una riduzione del reddito nominale fa aumentare il tasso di interesse

Riferimento: capitolo 5 paragrafo 1.1

Data l’equazione dell’investimento: I = I(Y,i)

Individuare la frase errata:

1-L’investimento è funzione positiva della produzione e negativa del tasso di interesse
2-Un aumento del tasso di interesse provoca una riduzione degli investimenti
3-L’investimento dipende da due variabili: la produzione e il tasso di interesse
4-Un aumento della produzione provoca un aumento dell’investimento
5-Nessuna delle precedenti frasi è vera

Riferimento: capitolo 6 paragrafo 5. Equazione dei salari WS e dei prezzi PS, tasso di disoccupazione u

Scegliere la frase corretta per completare l’affermazione seguente:

Un aumento del markup provoca:

1-Un aumento del salario reale e una riduzione del tasso naturale di disoccupazione
2-Una riduzione del salario reale e un aumento del tasso naturale di disoccupazione
3-Uno spostamento verso l’alto della curva dell’equazione dei prezzi PS
4-Una riduzione del salario reale e del tasso naturale di disoccupazione
5-Un aumento del salario reale e del tasso naturale di disoccupazione

Comment by Riccardo Cavazzana

Capitolo-1

La maggioranza degli economisti pensa che una riduzione permanente della disoccupazione europea si ottiene se:
A-Aumenta la rigidità del mercato del lavoro.
B-Diminuiscono i sussidi di disoccupazione.
C-Si lasciano inalterate le rigidità del mercato del lavoro.
D-Si combinano cambiamenti del mercato del lavoro ed appropriate politiche macroeconomiche.
E-Si ampliano le relazioni istituzionali con la forza lavoro.

Capitolo-2

Se si misura la produzione e le sue variazioni nel tempo eliminando l’effetto dell’aumento dei prezzi si costruisce:
A-Il PIL a prezzi correnti.
B-Il PIL nominale.
C-IL PIL reale.
D-Il PIL dal lato della produzione.
E-Il deflattore del PIL.

Comment by G.A. Di Donato 325475

Capitolo 3
Si ricerchi l’affermazione falsa.
1. Le esportazioni (X) sono gli acquisti di beni nazionali da parte del resto del mondo e le importazioni (IM) sono gli acquisti di beni esteri da parte dei residenti.
2. Il risparmio privato è S=Y-T+C
3. S=I può essere un’alternativa all’equilibrio sul mercato dei beni a Y=Z.
4. L’investimento in scorte può essere sia positivo sia negativo.
5. La spesa pubblica (G)non include nè i trasferimenti (assistenza sanitaria e sociale), nè gli interessi sul debito pubblico.
_______________________________________
GR: Bene

Comment by Rege Elvis

CAP 1

Crocettare la risposta errata:

La spesa pubblica…
1. riguarda acquisti di beni e servizi da parte della P.A. più le retribuzioni ai pubblici dipendenti.
2. Le spese per la cassaintegrazione fanno parte della spesa pubblica
3. Non include i trasferimenti alle famiglie ed alle imprese
4. Non include i pagamenti per interessi sul debito pubblico
5. Concorre al calcolo del PIL

CAP 2

Crocettare la risposta errata:

1. Con l’inflazione diminuisce sempre la nostra capacità d’acquisto
2. Per inflazione s’intende indicare un aumento generalizzato del livello dei prezzi
3. Si parla d’inflazione pura quando i salari aumentano della stessa percentuale del tasso d’inflazione
4. Possiamo considerare l’inflazione come una tassa
5. L’inflazione avvantaggia la posizione dei debitori

CAP 3

Crocettare la risposta errata:

1. Risparmio privato = reddito disponibile – consumi
2. Risparmio pubblico = entrate – spesa pubblica
3. Il debito è un flusso, relativo ad un periodo di tempo nel quale le uscite sono superiori alle entrate
4. Il risparmio privato più finanziare il disavanzo pubblico
5. Il risparmio privato più finanziare un investimento

Comment by Elisa Amparore

Capitolo 7. L’equazione di offerta aggregata:

A descrive gli effetti della produzione sui livelli dei prezzi
B un aumento della produzione provoca un incremento dei prezzi
C la curva di offerta aggregata si sposta verso l’alto se il livello atteso dei prezzi diminuisce
D se diminuisce il tasso di disoccupazione aumentano i salari nominali
E AS è una curva crescente

Capitolo 7. Nel medio periodo:

A l’espansione monetaria porta ad un aumento del livello dei prezzi
B la riduzione del disavanzo porta ad un aumento del tasso d’interesse
C la riduzione del disavanzo porta ad una diminuzione del livello dei prezzi
D l’aumento del prezzo del petrolio porta ad una riduzione del livello di produzione
E la politica monetaria è neutrale

Comment by Nadia Tavella

La Curva di Phillips: inflazione e disoccupazione negli Stati Uniti a partire dagli anni 70:

A a partire dagli anni 70 viene meno la relazione tra tasso di disoccupazione e di inflazione
B l’inflazione tende a diventare più persistente
C l’aumento del prezzo del petrolio porta ad un aumento del markup
D la relazione tra il tasso di disoccupazione e la variazione del tasso di inflazione è positiva
E la Curva di Phillips è anche detta accellerata

Comment by Nadia Tavella

CAP. 4
Ammettendo che la moneta sia tutta in circolante, considerando le operazioni di mercato aperto, lo stato:
1. acquista titoli in modo da ridurre il tasso di interesse
2. acquista titoli in modo da farne diminuire il prezzo
3. vende titoli per ridurre il tasso di interesse
4. vende titoli in modo da aumentarne il prezzo
5. prima acquista poi rivende i titoli per guadagnarci con l’inflazione

CAP 5
La curva IS esprime:
1. la relazione tra tasso di interesse e domanda
2. la relazione tra tasso di interesse e domanda
3. la relazione tra consumo e domanda
4. la relazione tra consumo e produzione
5. la relazione tra produzione e domanda

CAP 6
Nelle equazioni sul tasso di interesse per cosa sta il pedice ‘e’?
1. expression (espressione del tasso)
2. expectation (aspettativa di un prezzo)
3. example (esempio matematico-statistico)
4. enunciate (sottolinea il valore di definizione)
5. etymology (etimologicamente derivato)

CAP 7
Che cosa si intende per RICCHEZZA UMANA?
1. la ricchezza totale terrestre
2. il numero di persone sulla terra
3. il valore attuale del reddito del lavoro
4. la ricchezza finanziaria e immobiliare
5. la ricchezza totale di un consumatore

CAP 8
Nella relazione chiamata ‘ struttura a termine dei tassi di interesse’ la parola termine è sinonimo di:
1. fine
2. sospensione
3. maturità
4. declino
5. limite

Comment by elisa gilli

cap 1
Che cosa si intende per tasso di disoccupazione?
1.il livello di produzione dell’intera economia e il suo tasso di crescita
2. la proporzione di lavoratori nell’economia che non sono occupati e stanno cercando un lavoro
3. la proporzione di lavoratori nell’economia che sono occupati e quindi non cercano un lavoro
4. il tasso al quale il il prezzo medio dei beni nell’economia accresce nel tempo
5.il numero di persone senza possibilità di consumo

Cap 2
fino agli anni ‘40, negli stati uniti, qual’era l’unico dato disponibile sulla disoccupazione?
1.le registrazioni agli uffici di collocamento
2.il rapporto fra il numero dei residenti e quello degli occupati
3.il numero dei sussidi di disoccupazione emessi
4. il rapporto tra il numero delle famiglie e il numero delle nascite.
5. stime ipotetiche

cap 3
da cosa è dato l’equilibrio sul mercato dei beni?
1. C=I
2. Y=Z
3. G=T
4. C=Y
5. G=Z

Comment by elisa gilli

Riferito al capitolo 2.
Per la macroeconomia i disoccupati sono:
a.coloro che hanno un impiego
b.coloro che non hanno un impiego
c.coloro che non hanno un impiego ma lo stanno cercando
d.coloro che hanno un impiego ma stanno cercando un altro lavoro
e.coloro che non hanno un impiego e non stanno cercando un lavoro(lavoratori scoraggiati)

Riferito al capitolo 3.
L’investimento in scorte(indica la risposta sbagliata):
a.è la differenza tra produzione e vendite
b.è negativo se le vendite sono superiori alla produzione
c.è positivo se la produzione è superiore alle vendite
d.non fa parte della domanda di beni
e.se è positivo consente di raggiungere l’equilibrio di mercato

Riferito al capitolo 4.
Le riserve(indica la risposta sbagliata):
a.vengono tenute in conti correnti presso la banca centrale
b.sono costituite da titoli
c.sono necessarie per far fronte alle proprie esigenze giornaliere di contante
d.in genere sono obbligatorie
e.sono necessarie perché a causa delle transazioni(che portano i correntisti ad emettere assegni a correntisti di altre banche e viceversa)quanto una banca deve alle altre è maggiore di quanto essa deve ricevere dalle stesse

Riferito al capitolo 5.
La curva IS:
a.deriva dalla condizione che l’offerta di moneta sia uguale alla domanda di moneta
b.ci dice come la produzione influenza il tasso di interesse
c.è inclinata positivamente
d.in seguito a una diminuzione della domanda di beni(dato il tasso di interesse)si sposta verso destra
e.ci dice come il tasso di interesse influenza la produzione

Comment by scruci carmen

Lezione 7
Dopo aver analizzato i modelli IS-LM e AS-AD, in seguito ad una riduzione del tasso di risparmio privato è falso affermare che:
1.Aumenta il livello dei prezzi nel medio
periodo.
2.Aumenta il tasso di interesse nel breve periodo.
3.Diminuiscono gli investimenti nel medio periodo.
4.Aumenta il livello di produzione nel medio
periodo.
5.Non possiamo dire con certezza quale sia
l’effetto sugli investimenti nel breve periodo.
Lezione 8
Se è vero che il tasso naturale di disoccupazione naturale è uguale a (μ+z)/α ,allora il suo valore è:
1.Tanto minore quanto minore è il livello di
concorrenza presente nel mercato.
2.Tanto maggiore quanto maggiore è l’influenza
dell’inflazione sui prezzi.
3.Tanto minore quanto maggiore è la tutela nei
confronti dei lavoratori.
4.Tanto maggiore quanto minore è il livello di
salario minimo imposto dallo Stato.
5.Tanto minore quanto maggiore è la sensibilità
dei prezzi alle variazioni del tasso di
inflazione.

Comment by Daniele Pepe

Lezione 8 (corretta)
Se è vero che il tasso naturale di disoccupazione è uguale a (μ+z)/α ,allora il suo valore è:
1.Tanto minore quanto minore è il livello di
concorrenza presente nel mercato.
2.Tanto maggiore quanto maggiore è l’influenza
dell’inflazione sui prezzi.
3.Tanto minore quanto maggiore è la tutela nei
confronti dei lavoratori.
4.Tanto maggiore quanto minore è il livello di
salario minimo imposto dallo Stato.
5.Tanto minore quanto maggiore è la sensibilità
dei prezzi alle variazioni del tasso di
inflazione.

Comment by Daniele Pepe

Lezione1
Il prodotto interno lordo(Y) NON è
1.dato dalla somma di consumi, investimenti e spesa pubblica
2.la somma dei redditi nell’economia in un dato periodo
3.il valore di b/s finali prodotti nell’economia in un dato periodo
4.la somma dei fatturati delle imprese dell’economia in un dato periodo
5.la somma del valore aggiunto delle imprese dell’economia in un dato periodo
Lezione2
Tra le seguenti affermazioni sulla disoccupazione individuare la sola esatta:
1.una persona disoccupata è chi non ha un lavoro e non lo cerca da 2 mesi
2.la forza lavoro è data da:occupati + disoccupati +lavoratori scoraggiati
3.il tasso di disoccupazione non può mai essere troppo basso
4.il tasso di partecipazione è dato dal rapporto forza lavoro/totale della popolazione in età lavorativa
5.il tasso di disoccupazione (u) è dato da disoccupati (U) / occupati (N)
Lezione 3
In riferimento alla relazione lineare C=c0+c1Yd dire quale enunciato è falso:
1.C è una variabile endogena
2. c1 indica la propensione marginale al consumo
3. c1 si pone sia positivo e minore di uno
4. c0 rappresenta il consumo desiderato con un reddito disponibile Yd nullo
5. di conseguenza c0 è negativo, perché se Yd è nullo il consumatore non può consumare nulla
Queste sono le domande corrette relative ai primi 3 capitoli

Comment by Elisa Rosanna Mourglia

capitolo 4
Se la banca centrale acquista titoli sul mercato aperto:
a)aumenta la base monetaria
b)diminuisce la base monetaria
c)la base monetaria non varia
d)il tasso d’interesse non varia
e)nessuno dei precedenti
capitolo 5
Secondo il modello IS-LM
un aumento della produzione aggregata nel breve periodo è determinato da:
a)aumento dello stock capitale
b)una riduzione dell’offerta di moneta da parte della banca centrale
c)una riduzione del deficit di bilancio
d)un aumento del deficit di bilancio
e)nessuna delle precedenti
capitolo 6
L’equazione dei salari indica una relazione:
a)positiva tra il salario reale e il tasso di disoccupazione
b)negativa tra il salario reale e tra il tasso di occupazione
c)negativa tra salario reale e tasso di disoccupazione
d)negativa tra salario reale e gli altri fattori che influenzano i salari
e)nessuna delle precedenti

Comment by christian brusa

capitolo 7
Se aumenta l’offerta reale di moneta la curva AD:
a)si sposta verso destra, cioè la produzione è maggiore per lo stesso livello dei prezzi
b)si sposta verso destra, cioè la produzione e il livello dei prezzi sono maggiori
c)si sposta verso sinistra, cioè la produzione e il livello dei prezzi sono minori
d)non si sposta
e)nessuna delle precedenti
capitolo 8
La curva di Phillips nella sua prima formulazione descrive la relazione fra il tasso d’inflazione e:
a)il tasso di disoccupazione
b)il mark-up ed il tasso d’inflazione attesa
c)il tasso di disoccupazione ed il livello d’inflazione attesa
d)il tasso di disoccupazione e il tasso d’inflazione attesa
e)il tasso di crescita della produzione

Comment by christian brusa

cap1
1. Se un individuo acquista una automobile usata:
A) il PIL aumenta;
B) il PIL rimane invariato;
C) il PIL diminuisce;
D) il PIL nominale aumenta ma non quello reale.
E) nessuna delle precedenti

Comment by michele

CAP 4
Per aumentare l’offerta di moneta la Banca Centrale:
A) Acquista titoli sul mercato aperto;
B) Vende titoli sul mercato aperto;
C) Svaluta il cambio;
D) Aumenta il coefficiente di riserva obbligatoria.
E)nessuna delle precedenti

Comment by michele

CAP 5
Nel modello IS-LM in economia aperta, una politica fiscale espansiva:
A) peggiora il saldo della bilancia commerciale perché determina un aumento delle importazioni;
B) peggiora il saldo della bilancia commerciale perché determina una riduzione delle esportazioni;
C) migliora il saldo della bilancia commerciale perché determina una riduzione delle importazioni;
D) mMigliora il saldo della bilancia commerciale perché determina una aumento delle esportazioni.
E) nessuna delle precedenti

Comment by michele

CAP 6
Un aumento del mark-up comporta:
A) una diminuzione dei salari nominali;
B) un aumento dei salari nominali;
C) un aumento del tasso di disoccupazione naturale;
D) una diminuzione del tasso di disoccupazione naturale.
E)nessuna delle precedenti

Comment by michele

CAP 7
Nel medio periodo una politica monetaria espansiva:
A) non ha alcun effetto sugli investimenti;
B) ha un effetto espansivo sugli investimenti, grazie ad una riduzione dei saldi monetari reali;
C) ha un effetto espansivo sugli investimenti, grazie ad un aumento dei saldi monetari reali;
D) ha un effetto restrittivo sugli investimenti.
E) nessuna delle precedenti

Comment by michele

LEZ 4. Le operazioni restrittive di mercato aperto, con le quali la banca centrale diminuisce l’offerta di moneta vendendo titoli, portano:
a)ad un aumento del prezzo dei titoli e ad una riduzione del tasso di interesse
b)ad un aumento del prezzo dei titoli e ad un aumento dell’ammontare di riserve che le banche tengono per ogni euro di depositi
c)ad un aumento del prezzo dei titoli e ad un aumento del tasso di interesse
d)ad un aumento del tasso di interesse e ad una riduzione dell’ammontare di riserve che le banche tengono per ogni euro di depositi
e)ad un aumento del tasso di interesse e ad una riduzione del prezzo dei titoli

LEZ 5. Crocettare la risposta VERA:
a)l’equazione IS e la curva IS mostrano le combinazioni del tasso di interesse e del prezzo dei titoli
b)l’equazione LM e la curva LM mostrano le combinazioni del tasso di interesse e del prezzo dei titoli
c)un’espansione fiscale sposta la curva IS verso destra, causando un aumento sia della produzione, sia del tasso di interesse
d)un’espansione monetaria sposta la curva LM verso l’alto, portando una diminuzione della produzione e un aumento del tasso di interesse
e)la curva IS è inclinata positivamente e la curva LM è inclinata negativamente

LEZ 6. Crocettare la risposta FALSA:
a)il tasso di partecipazione è uguale al rapporto tra la forza lavoro e la popolazione disponibile in età lavorativa
b)l’equazione dei salari W può essere scritta anche come (P/W)=(1+µ)
c)i salari dipendono negativamente dal tasso di disoccupazione e positivamente dai prezzi attesi
d)i prezzi fissati dalle imprese dipendono dai salari e dal mark up dei prezzi sui costi
e)la funzione di produzione Y=N implica che il costo di produrre un’unità aggiuntiva di prodotto è uguale al costo di impiegare un lavoratore in più, e quindi è uguale al salario W

LEZ 7. Considerando le curve AS e AD, se aumenta il prezzo del petrolio, cosa non avviene sicuramente?
a)diminuisce l’offerta reale di moneta
b)diminuisce il tasso di disoccupazione
c)aumenta il mark up µ
d)il reddito diminuisce
e)la curva AS si sposta verso l’alto

LEZ 8. Al tasso di disoccupazione naturale:
a)il tasso di inflazione diminuisce rapidamente
b)il tasso di inflazione non varia
il tasso di inflazione attesa ésuperiore al tasso di inflazione effettiva
c)il tasso di inflazione attesa aumenta
d)il tasso di inflazione attesa diminuisce

Comment by Enrica Vaglienti

CAPITOLO 7
Si ricerchi l’affermazione falsa
1. Nel breve periodo la produzione può essere superiore o anche inferiore al suo livello naturale, però nel medio periodo alla fine essa torna comunque al suo livello naturale.
2. La relazione tra produzione e livello di prezzi è definita “equazione di domanda aggregata” ed è una relazione negativa.
3. Nell’equazione di domanda aggregata, la produzione (Y) è una funzione crescente dei saldi monetari reali (M/P), della spesa pubblica (G) e delle imposte (T).
4. Quando la produzione è pari al suo livello naturale, il livello dei prezzi è pari al livello atteso dei prezzi.
5. Considerando la funzione di offerta aggregata, un aumento del prezzo del petrolio può essere rappresentato nella funzione come un aumento del mark-up.

CAPITOLO 8.
Si ritrovi l’affermazione che completa correttamente la frase.

Se λ è elevata e diffusa:
1. Grandi variazioni della disoccupazione possono portare a piccole variazioni dell’inflazione.
2. La proporzione di salari indicizzati è bassa.
3. Piccole variazioni della disoccupazione possono portare grandi variazioni dell’inflazione.
4. Gran parte dei salari non è adeguata automaticamente all’inflazione.
5. La proporzione di salari non indicizzati è elevata.

Comment by Rege Elvis

La critica di Lucas:

A il suo pensiero non si basa sul fatto che le aspettative sono statiche
B sostiene che l’ingrediente essenziale per il successo di una deflazione è la credibilità
C sostiene che la credibilità riduce i costi sociali della disinflazione
D sostiene che la crescita della moneta, dell’inflazione e dell’inflazione attesa potrebbero essere ridotte senza bisogno di incorrere in una recessione
E diceva che la Banca Centrale dovrebbe scegliere di ridurre l’inflazione velocemente

Comment by Nadia Tavella

Lezione 9
Il coefficiente β, presente nell’equazione che descrive la legge di Okun, è diverso da 1 non perché:
1.A causa dell’aumento del prodotto più
lavoratori scoraggiati cercano lavoro.
2.Alcuni lavoratori sono necessari a prescindere
dal livello di produzione.
3.In periodi di elevata domanda, molte imprese
preferiscono assumere altri impiegati piuttosto
che chiedere lavoro straordinario ai propri
dipendenti.
4.Quando l’occupazione aumenta, non tutti i nuovi
posti di lavoro sono occupati dai disoccupati.
5.In periodi di crisi, molte imprese preferiscono
mantenere occupati i propri dipendenti
piuttosto che licenziarli.

Comment by Daniele Pepe

Le domande sulle lezioni 10 e successive dovranno essere poste sulle pagine MACRO 10 e in generale MACRO N (con N = numero della lezione). In tal modo tutti potremo renderci meglio conto di quali domande sono state fatte su ogni tema.

Gustavo Rinaldi

Comment by gustavorinaldi

capitolo 2
il prodotto interno lordo non è:
a.la produzione totale di beni e servizi dell’economia diminuita dai consumi intermedi e aumentata dalle imposte nette sui prodotti.
b. costituito dai prodotti intermedi più quelli finali.
c.il valora complessivo dei beni e servizi prodotti in un determenato arco di tempo e destinati ad uso finale.
d.la misura della produzione aggregata nella contabilità nazionale
e. il saldo del conto della produzione

capitolo 3
la propensione marginale al consumo:
a. si ricava da I= s-(G+T)
b. non è compresa tra zero e uno
c. è c0
d. ci dice quando risparmiamo in un dato periodo di tempo indipendentemente dalla nostra quantità di reddito
e. è rappresentato da 1-c1

Comment by eleonora ferrua

LEZIONE 4
Tra le seguenti affermazioni sulle operazioni di mercato aperto si individui quella falsa:
a. si ha una politica espansiva quando la Banca Centrale aumenta l’offerta di moneta.
b. si ha una politica restrittiva quando la Banca Centrale riduce l’offerta di moneta.
c. Per far sì che il tasso d’interesse aumenti la Banca Centrale vende titoli
d. Per far sì che il tasso d’interesse diminuisca la Banca Centrale acquista titoli
e. Per far sì che il tasso d’interesse aumenti la Banca Centrale acquista titoli

LEZIONE 5
Considerando gli effetti di una politica di stretta fiscale sul grafico del modello IS-LM indicare l’affermazione corretta:
a. una politica di stretta fiscale sposta IS verso destra e LM verso sinistra
b. una politica di stretta fiscale sposta LM verso destra e IS verso sinistra
c. una politica di stretta fiscale non tocca la curva LM
d. per stretta fiscale si intende un aumento di (G-T)
e. gli effetti generati da una stretta fiscale sugli investimenti sono sempre certi e determinabili essendo i una variabile endogena

LEZIONE 6

Il tasso di disoccupazione naturale: (trovare l’affermazione errata)
a. è dato da F (un, z)=1/(1+μ)
b. è tale per cui il salario reale risultante dalla determinazione dei salari è uguale al salario reale derivante dalla fissazione dei prezzi
c. è quindi il tasso di disoccupazione in equilibrio
d. sarebbe definito più correttamente dalla dicitura “tasso strutturale di disoccupazione”
e. è “naturale” perché non può mai essere influenzato da fattori quali l’aumento dei sussidi di disoccupazione

Comment by Elisa Rosanna Mourglia

lezione 9
1. in materia di rigidità nominali e contratti Taylor afferma che:
a. è necessaria l’inflazione
b. vi è bisogno di un’accelerazione immediata per poi passare successivamente ad una decelerazione
c. un po’ di disoccupazione è comunque necessaria
d. gli accordi contrattuali non sono scaglionati nel tempo ed i lavoratori sono interessati ai salari relativi.

Comment by Faraci Jessica

lezione 8 riferimento capitolo 15:
1.dalla relazione disoccupazione / inflazione scaturisce che:
a. quando il tasso di inflazione è elevato, la disoccupazione diminuisce
b. quando il tasso di inflazione è inferiore del previsto, la disoccupazione rimane costante
c. quando il tasso d’inflazione è elevato, la disoccupazione rimane costante
d. quando il tasso d’inflazione è elevato, aumenta anche la disoccupazione
e. da questa relazione non scaturisce nulla

Comment by Faraci Jessica

MACRO 9
La Legge di Okun sostiene il legame diretto tra:
1. l’inflazione e la variazione della produzione.
2. la disoccupazione e la variazione dell’inflazione.
3. la moneta e la variazione della disoccupazione
4. la moneta e la variazione della produzione.
5. la produzione e la variazione della disoccupazione.

Se la Banca Centrale volesse ridurre l’inflazione dal 18% al 10% (con α=1), non raggiungerebbe il suo obiettivo se:
1. Accettasse due anni di disoccupazione del 4% superiore al suo tasso naturale.
2. Accettasse quattro anni di disoccupazione del 2% superiore al suo tasso naturale.
3. Accettasse una disoccupazione del 1% superiore al suo tasso naturale per otto anni.
4. Accettasse una disoccupazione del 2.5% superiore al suo tasso naturale per tre anni.
5. Accettasse per dieci anni una disoccupazione del 0.8% superiore al suo tasso naturale

Comment by Rege Elvis

Riferimento: capitolo 7 paragrafo 7.1

Scegliere la frase che completa l’affermazione seguente, in modo che risulti vera:

Nel breve periodo, l’espansione monetaria implica:

1-Aumento del tasso di interesse
2-Nessun cambiamento del livello di produzione
3-Elevata riduzione del livello dei prezzi
4-Aumento del livello di produzione
5-Riduzione del livello di produzione

Riferimento: capitolo 8 paragrafo 1.

Individuare l’affermazione vera:

Data l’inflazione attesa:

1-Un aumento del tasso di disoccupazione provoca un aumento dell’inflazione
2-Una riduzione del tasso di disoccupazione provoca una riduzione dell’inflazione
3-Un aumento del tasso di disoccupazione provoca una riduzione dell’inflazione
4-Un aumento del markup provoca riduzione dell’inflazione
5-Un aumento dei fattori che influiscono sulla determinazione dei salari provoca una riduzione dell’inflazione

Riferimento: capitolo 9 paragrafo 3.2

Individuare la frase falsa:

1-Una disinflazione più veloce è più credibile di una graduale
2-La credibilità riduce i costi della disinflazione in termini di disoccupazione
3-Andrebbe meglio se la banca centrale scegliesse una veloce riduzione dell’inflazione
4-Solo la credibilità può indurre un cambiamento nel meccanismo di formazione delle aspettative di chi fissa i salari
5-Tutte le frasi precedenti sono false

Comment by Riccardo Cavazzana

LEZ. 9 Si crocetti la risposta FALSA:
a) la domanda aggregata è una relazione tra produzione, offerta reale di moneta, spesa pubblica e imposte, basata sull’equilibrio nel mercato dei beni e nei mercati finanziari
b) nel medio periodo, la crescita della produzione e la disoccupazione sono uguali al loro tasso naturale, entrambe sono indipendenti dalla crescita dello stock nominale di moneta
c) la disinflazione è la riduzione del livello dei prezzi; la deflazione è la riduzione del tasso di inflazione
d) secondo la legge di Okun, per mantenere costante il tasso di disoccupazione, la crescita della produzione deve essere uguale alla somma della crescita della forza lavoro e dell’aumento della produttività del lavoro
e) per ridurre l’inflazione in modo permanente è necessario accettare una maggiore disoccupazione per un certo periodo di tempo

Comment by Enrica Vaglienti

Per ogni domanda si individui la sola risposta corretta
LEZIONE 1
Il prodotto nazionale lordo:
A)non comprende il valore dei servizi
B)non comprende il valore dei beni finali
C)non comprende nè il valore dei beni finali, nè il valore dei beni intermedi
D)considera solo ciò che è prodotto e poi venduto nel Paese
E)considera anche i redditi netti dall’estero
LEZIONE 2
L’indice dei prezzi al consumo:
A)è disponibile ogni 3 mesi
B)indica il prezzo medio dei beni consumati in un Paese
C)indica il prezzo medio dei beni finali prodotti
D)non è un numero indice
E)la sua variazione è una grandezza informativa, cioè il tasso di inflazione
LEZIONE 3
Nel breve periodo la variazione del livello di produzione aggregata dipende principalmente:
A)da fattori relativi all’offerta aggregata
B)dalla variazione del livello della domanda aggregata
C)dalla variazione dello stock di capitale
D)dalla variazione del tasso di risparmio
E)da cambiamenti demografici
LEZIONE 4
Nel mercato della moneta, un aumento del reddito nominale determina in equilibrio:
A)una diminuzione delle transazioni e quindi una riduzione della domanda di moneta
B)un eccesso di offerta di moneta
C)lo spostamento della curva di domanda di moneta a sinistra
D)una diminuzione del tasso di interesse
E)un aumento del tasso di interesse
LEZIONE 5
La curva LM:
A)è inclinata negativamente
B)definisce la relazione di equilibrio tra offerta nominale di moneta, reddito nominale e tasso di interesse
C)definisce la relazione di equilibrio tra offerta reale di moneta, reddito reale e tasso d’interesse
D)si sposta nel piano a seguito di una politica fiscale restrittiva
E)si sposta a destra se diminuisce l’offerta di moneta
LEZIONE 6
Se aumenta il sussidio di disoccupazione:
A)la retta PS si sposta nel piano
B)la curva WS si sposta a sinistra
C)diminuisce il salario reale
D)aumenta il tasso naturale di disoccupazione
E)diminuisce il tasso naturale di disoccupazione
LEZIONE 7
Analizzando la curva di offerta aggregata:
A)la curva AS definisce una relazione tra il livello di produzione e i livello generale dei prezzi sul mercato dei beni e delle attività finanziarie
B)la curva AS è decrescente
C)la curva AS è disegnata per un dato valore Pe in cui il tasso di disoccupazione è al suo livello naturale e quindi la produzione e al suo livello naturale
D)se la produzione aumenta oltre il suo livello naturale la curva AS si sposta verso il basso nel tempo
E)se la produzione si riduce al di sotto del suo livello naturale la curva AS si sposta verso l’alto nel tempo
LEZIONE 8
Nella curva di Philips corretta per le aspettative:
A)il parametro Ө è uguale a zero
B)il tasso di disoccupazione influenza il tasso di inflazione
C)il tasso di disoccupazione influenza la variazione dell’inflazione
D)quando la disoccupazione è moderata l’inflazione è decrescente
E)quando la disoccupazione è elevata si ha un’accelerazione del livello dei prezzi
LEZIONE 9
Secondo la critica di Fischer:
A)una forte e credibile disinflazione è più efficace
B)per ridurre l’aumento della disoccupazione causata dalla disinflazione bisogna dare tempo a chi fissa i salari di prendere in considerazione i cambiamenti di politica economica
C)non vi sono rigidità salariali
D)non bisogna tenere conto delle aspettative
E)nessuna delle precedenti

Comment by Veronica Artale

Lezione 9
Si crocetti la risposta FALSA
Secondo il modello di TAYLOR
a)la disinflazione inizia nel primo trimestre e dura sedici trimestri
b)vi è una lentezza iniziale della disinflazione
c)non suggerisce un sentiero di disinflazione
d)dopo 4 trimestri (dopo l’annuncio del cambiamento di politica) l’inflazione è ancora al 9,9%
e)nessuna delle precedenti

Comment by christian brusa

Da ora in poi si potranno depositare doomande solo nelle pagine relative alla lezione

per la lezione N inserire le domande nella pagina Macro N

GLI STUDENTI SONO PREGATI DI RICOPIARE LE PROPRIE DOMANDE NELLE PAGINE
OPPORTUNE (Macro N).
SI RIPORTINO ANCHE DATA E ORA DI INSERIMENTO IN QUESTA PAGINA.

ALCUNE DOMANDE SONO GIA` STATE RICOPIATE DA ME, IN TAL CASO LO STUDENTE NON OCCORRE CHE FACCIA NULLA.

EVITARE DI RICOPIARE LE DOMANDE RIFIUTATE. NE SI METTANO VERSIONI RIVEDUTE E CORRETTE,
EVITANDO DI RIPETERE GLI ERRORI.
GR

Comment by gustavorinaldi

[…] Domande di macroeconomia […]

Pingback by Domande solo di studenti? Domande ambigue? « GustavoRinaldi’s Academic Site






%d bloggers like this: