GustavoRinaldi’s Academic Site


Macro 13 (assente nel nuovo testo)

Dal 17 novembre alle 13  si ricevono domande sulla lezione 13

In Macro 13, al fine di velocizzare la correzione tutte le domande dalla prima fino al commento di GR  ” Fine” sono accettate, se non e` indicato altrimenti.


92 Comments so far
Leave a comment

Lezione 13
In base al principio di “distruzione creatrice” teorizzato dall’economista Joseph Schumpeter, è falso affermare che:
1. A causa del forte aumento della produttività
del lavoro agricolo, il numero di occupati del
settore primario è drasticamente diminuito.
2. Per chi lavora in settori dinamici il
progresso tecnologico dà la possibilità di
guadagnare salari relativi più elevati.
3. Il progresso tecnologico è un processo di
cambiamento strutturale.
4. Sembra remota l’ipotesi che,a causa dello
sviluppo dell’ICT, i contabili potrebbero
essere, in un prossimo futuro, destinati ad
essere rimpiazzati dai computer.
5. A causa del progresso tecnologico, i
lavoratori con bassi livelli di istruzione
subiscono una riduzione del salario relativo.

Comment by Daniele Pepe

LEZ. 13 Tra produttività del lavoro e crescita della produzione negli Stati Uniti dal 1960 al 2000:
a) non c’è alcuna relazione
b) c’è una relazione negativa
c) c’è una forte relazione positiva
d) c’è una relazione di causalità che va dalla crescita della produttività a quella della produzione
e) c’è una relazione positiva ma non si può affermare con certezza quale sia il nesso di causalità

Comment by Enrica Vaglienti

Quali tra le seguenti affermazioni, ralative all’aumento della disuguaglianza salariale negli anni Ottanta, è falsa:
1)Il progresso tecnologico è orientato al lavoro qualificato;
2)Il commercio internazionale tende a emargiare il lavoro non qualificato;
3)L’offerta relativa di lavoro ha continuato ad aumentare ma non tanto velocemente quanto la domanda relativa;
4)Il salario relativo dei lavoratori qualificati è aumentato costantemente rispetto a quello dei lavoratori non qualificati;
5)Nessuna delle precedenti.
___________________________________________________
No, ortografia

Comment by Simone Russo

LEZIONE 13
Quali sono gli effetti di un miglioramento della tecnologia sulla domanda aggregata e sull’offerta aggregata?(individuare la sola risposta corretta)
A)l’offerta aggregata diminuisce e la curva AS si sposta a sinistra
B)gli effetti sulla domanda aggregata sono sempre negativi
C)gli effetti sulla domanda aggregata sono sempre positivi
D)solo se si tratta di un miglioramento di una tecnologia esistente la domanda aggregata cresce
E)solo se si tratta di nuova tecnologia la domanda aggregata cresce

Comment by Veronica Artale

CAPITOLO 13
Se la produttività (A) aumentasse, che effetto avrebbe sul tasso di disoccupazione naturale?
1. Sicuramente avremo uno spostamento della curva WS verso l’alto, ma nessun spostamento della curva PS, perciò il tasso aumenterà.
2. Non avremo nessuna variazione del tasso, perché lo spostamento delle curve verso l’alto avviene nella medesima proporzione.
3. Solo la curva PS si sposta verso l’alto, quindi il tasso di disoccupazione naturale diminuisce.
4. La produttività non induce alcun spostamento delle curve WS e PS, quindi non ha alcun legame con il tasso di disoccupazione naturale.
5. Le curve si spostano verso il basso nella medesima proporzione, perciò il tasso di disoccupazione naturale non cambia.
___________________________________________________
GR
No, e le aspettative?

Comment by Rege Elvis

Effetti relativi all’aumento della produttività sulla domanda e sull’offerta aggregata: (segnare la risposta corretta)

A l’aumento della produttività riduce il lavoro necessario per produrre un’unità di prodotto e quindi il costo di produzione aumenta
B un aumento della produttività induce le imprese a ridurre il prezzo per ogni livello di produzione
C un aumento della produttività sposta la curva di offerta aggregata verso l’alto
D se l’aumento della produttività deriva dalla diffusione di nuove tecnologie, la curva di domanda aggregata si sposta verso sinistra
E un aumento della produttività sposta sempre la curva di domanda aggregata verso destra

Comment by Nadia Tavella

Sul tasso natura le di disoccupazione (trova l’affermazione corretta):
a. Maggiore produttività porta uno spostamento solo dell’equazione dei salari e non dell’equazione dei prezzi e non comporta alcun effetto sul tasso naturale di disoccupazione
b. Un calo della crescita della produttività comporta una diminuzione del tasso naturale di disoccupazione per un certo periodo di tempo
c. Maggiore produttività porta uno spostamento sia dell’equazione dei salari sia dell’equazione dei prezzi nella stessa proporzione e quindi non ha alcun effetto sul tasso naturale di disoccupazione
d. Minore produttività porta uno spostamento sia dell’equazione dei salari sia dell’equazione dei prezzi in modo più che proporzionale e quindi non ha alcun effetto sul tasso naturale di disoccupazione
e. Maggiore produttività porta uno spostamento sia dell’equazione dei salari sia dell’equazione dei prezzi in modo più che proporzionale e quindi non ha alcun effetto sul tasso naturale di disoccupazione
___________________________________________________
GR
No, e le aspettative?

Comment by Stefania Parizia matr. 302692

Lezione 13
Nel breve periodo, un aumento della tecnologia(A),quali effetti avrebbe sulle curve dell’offerta aggregata(AS) e della domanda aggregata(AD)?
1)AS si sposta verso sinistra, AD verso destra
2)Entrambe si spostano verso destra
3)Entrambe si spostano verso sinistra
4)AS si sposta verso destra, AD verso sinistra
5)Si sposta solo AD verso destra
___________________________________________________
GR
No, come minimo dovrei sapere qualcosa di piu’ sul progesso tecnologico, di che tipo e`?

Comment by Francesca Mensa

lezione 13
si crocetti la risposta falsa
l’andamento dei salari per livello di istruzione:
a)dai primi anni 80 per i lavoratori con basso livello d’istruzione i salari sono diminuiti
b)i salari invece per lavoratori con alto livello di istruzione sono aumentati
c)nel 1973 la serie dei salari che ne derivano è pari a 1
d)nel 1973 la serie dei salari che ne derivano è pari a 1.2
e)nessuna delle precedenti

___________________________________________________
GR
No, e` libresca, non fa riferimento alla macroeconomia, ma ad uno specifico grafico di Blanchard

Comment by christian brusa

CAPITOLO13

Secondo l’equazione dei salari, all’aumentare della disoccupazione il salario reale:

a)aumenta;
b)diminuisce;
c)non subisce alcuna variazione;
d)aumenta non proporzionalmente;
e)aumenta proporzionalmente.

___________________________________________________
GR
No, fuori tema

Comment by Francesco Conca

Cap 13

Quando la disoccupazione è elevata
1- una proporzione maggiore di lavoratori perde il lavoro
2- una proporzione minore di lavoratori perde il lavoro
3- una proporzione maggiore di lavoratori acquisisce lavoro
4- una proporzione minore di lavoratori acquisisce lavoro
5- non c’è un nesso diretto tra tasso di disoccupazione e tasso di interruzione di lavoro

___________________________________________________
GR
No, fuori tema

Comment by Elisa Gilli

nel modello AS-AD che effetto ha sulla domanda aggregata la nuova tecnologia:
A)si sposta a destra
B)si sposta a sinistra
C)non si nuove
D)diminuisce la produzione
E)diminuisce il livello dei prezzi
___________________________________________________
GR
No, simile a precedenti, peraltro criticate perche’ non specificano nulla sul tipo di progresso tecnico. Il secondo problema e` quello piu’ serio.

Comment by michele

CAPITOLO 13
Il progresso tecnologico (si trovi la risposta vera)
-provoca, insieme ad altri fattori, un aumento della disuguaglianza sociale
-nel lungo periodo provoca una distruzione di posti di lavoro
-nel breve periodo aumenta la disoccupazione
-avvantaggia tutti i lavoratori, indipendentemente dal grado di istruzione e dal settore di appartenenza.
-nessuna delle precedenti
________________________
GR: Si’

Comment by Elisa Rosanna

Lezione 13

Quali sono gli effetti di un aumento della produttività sul tasso naturale di disoccupazione?

A) Sposta sia l’equazione dei salari a sia l’equazione dei prezzi verso il basso, ma con proporzioni diverse, provocando degli effetti sul tasso naturale di disoccupazione;
B) Sposta l’equazione dei prezzi verso l’alto e l’equazione dei salari rimane invariata, ha effetti sul tasso naturale di disoccupazione;
C) Sposta l’equazione dei salari verso il basso e l’equazione dei prezzi resta invariata , e non provoca effetti sul tasso naturale di discoccupazione;
D) Sposta l’equazione dei salari sia l’equazione dei prezzi nella stessa proporzione verso l’alto quindi non ha alcun effetto sul tasso naturale di disoccupazione;
E) Sposta l’equazione dei prezzi verso l’alto e l’equazione dei salari verso il basso, quindi ha effetti sul tasso naturale di disoccupazione

___________________________________________________
GR
No, non tiene conto delle aspettative e forse e` anche simile a precedenti.

Comment by Luana Pautasso Grosso

IL PROGRESSO TECNOLOGICO PUò PRESENTARSI IN DIVERSI MODI:
a) può generare una maggiore produzione a parità di quantità di capitale e lavoro
b) può consentire la cosrtuzione di prodotti migliori
c) può generare nuovi prodotti
d) può ampliare la gamma dei prodotti disponibili
e) tutte e 4 le risposte precedenti
___________________________________________________
GR
No, potrebbero essere vere tutte e 5.
Ortografia e sintassi.

Comment by Manuela Giacomino

Crocettare la risposta errata.
Produttività e offerta aggregata:
1) Un aumento della produttività del lavoro (A) riduce l’ammontare di lavoro necessario per ottenere un determinato livello di produzione;
2) L’aumento di A riduce pertanto i costi di produzione;
3) Le imprese rispondono alla riduzione del costo di produzione riducendo i prezzi;
4) La curva di offerta aggregata si sposta quindi verso il basso quando A aumenta;
5) Nessuna delle precedenti è errata.
___________________________________________________
GR
No, problema logico

Comment by Cinzia Peretti matr. 304234

Se aumenta A (la produttività):
1) il costo di produzione si riduce
2) la curva AS si sposta verso l’alto
3) le imprese sono spinte ad aumentare i prezzi
4) diminuiscono le aspettative sul reddito futuro da parte dei consumatori
5) provoca un vistoso aumento dei consumi
___________________________________________________
GR
No, quale tecnologia?

Comment by Mara Breuza

Considerando la N=Y/a un aumento della produttività cosa provoca alle curve AS-AD ?
· Spostamento di AS verso l’alto e AD ferma
· Spostamento di AS verso l’alto e AD verso il basso
· Le curve nonn si spostano
· Spostamento di AS e AD verso l’alto
· Nessuna delle precedenti è veritiera

Rif cap 13

___________________________________________________
GR
No, sostanza accettabile, rivedere la forma.

Comment by luigi cottino

Una variazione della tecnologia che effetto ha sulla curva AS?

a la sposta verso destra
b la sposta verso sinistra
c sposta solo la AD
d amenta il costo del lavoro per unità di prodotto
e diminuisce l’offerta

Comment by Elisa Blanc

Eccessive attese di crescita conducono a:
a Salari eccessivi e aumenti della disoccupazione
b salari eccessivamente bassi
c diminuzione della disoccupazione
d salari eccessivamente bassi e diminuzione della disoccupazione
e salari eccessivi e diminuzione della disoccupazione.

Comment by Elisa Blanc

In considerazione alla “distruzione creatrice” si trovi l’affermazione sbagliata:
1) esplicita che il lamentarsi di alcuni nei confronti del cambiamento tecnologico è infondato
2) significa che l’economia cambia distruggendo vecchie attività creandone delle nuove
3) attraverso di essa nascono nuovi settori industriali
4) coloro che hanno le loro capacità legate a un settore in declino si trovano in grosse difficoltà
5) è una considerazione di Schumpeter

Comment by Mara Breuza

F I N E

fino a qui le domande senza miei commenti sono accettate.
GR

Comment by gustavorinaldi

CAPITOLO 13
Ipotizzando che sia le aspettative di prezzo che quelle sulla produttività siano corrette, ossia Pe=P e A=Ae.
Se la produttività (A) aumentasse, che effetto avrebbe sul tasso di disoccupazione naturale?
1. Sicuramente avremo uno spostamento della curva WS verso l’alto, ma nessun spostamento della curva PS, perciò il tasso aumenterà.
2. Non avremo nessuna variazione del tasso, perché lo spostamento delle curve verso l’alto avviene nella medesima proporzione.
3. Solo la curva PS si sposta verso l’alto, quindi il tasso di disoccupazione naturale diminuisce.
4. La produttività non induce alcun spostamento delle curve WS e PS, quindi non ha alcun legame con il tasso di disoccupazione naturale.
5. Le curve si spostano verso il basso nella medesima proporzione, perciò il tasso di disoccupazione naturale non cambia.
___________________________
GR: Si’ , bene.

Comment by Rege Elvis

Correzione ortografica della domanda.

Quali tra le seguenti affermazioni, ralative all’aumento della disuguaglianza salariale negli anni Ottanta, è falsa:
1)Il progresso tecnologico era orientato al lavoro qualificato;
2)Il commercio internazionale tendeva a emargiare il lavoro non qualificato;
3)L’offerta relativa di lavoro aveva continuato ad aumentare ma non tanto velocemente quanto la domanda relativa;
4)Il salario relativo dei lavoratori qualificati era aumentato costantemente rispetto a quello dei lavoratori non qualificati;
5)Nessuna delle precedenti.
____________________________
GR: NO
A) ortografia
B) la 3 potrebbe essere specificata meglio
B)

Comment by Simone Russo

Correzione
Nel breve periodo, l’introduzione di una nuova tecnologia,quali effetti avrebbe sulle curve dell’offerta aggregata(AS) e della domanda aggregata(AD)?
1)AS si sposta verso sinistra, AD verso destra
2)Entrambe si spostano verso destra
3)Entrambe si spostano verso sinistra
4)AS si sposta verso destra, AD verso sinistra
5)Si sposta solo AD verso sinistra
_______________________________
GR: SI’

Comment by Francesca Mensa

LEZIONE 13
Quale dei seguenti fattori provoca uno spostamento verso sinistra della curva di domanda aggregata di un’economia?
1- Il governo incrementa la spesa pubblica destinata all’istruzione
2- Le imposte sul reddito vengono ridotte
3- Viene sviluppata una nuova tecnologia che consentirà di incrementare i profitti
4- Le economie estere entrano in recessione, riducendo la loro domanda di esportazioni del paese
5- il prezzo di produzione diminuisce
_____________________________
GR NO. La 4 non appartiene al capitolo 13.

Comment by Solaro Alberto

CORREZIONE

Quale dei seguenti fattori provoca uno spostamento verso sinistra della curva di domanda aggregata di un’economia?
1- Il governo incrementa la spesa pubblica destinata all’istruzione
2- Le imposte sul reddito vengono ridotte
3- Viene sviluppata una nuova tecnologia che consentirà di incrementare i profitti
4- La prospettiva dei consumatori di una maggiore produzione futura
5- il prezzo di produzione diminuisce

Comment by Alberto Solaro

Considerando la se seguente formula N=Y/A un aumento della produttività cosa provoca alle curve Offerta Aggreagata e Domanda Aggregata ?
· La curva di Offerta Aggregata si sposta l’alto e la curva di Domanda Aggregata riamane ferma
· La curva di Offerta Aggregata si sposta l’alto e la curva di Domanda Aggregata si sposta verso il basso
· Le due curve non si spostano
· Le due curve si spostano verso l’alto
· Nessuna delle precedenti è veritiera
_____________________________
GR: NO , forma non accettabile.

Comment by luigi cottino

Considerando la se seguente formula N=Y/A un aumento della produttività cosa provoca alle curve Offerta Aggregata e Domanda Aggregata ?
· La curva di Offerta Aggregata si sposta l’alto e la curva di Domanda Aggregata riamane ferma
· La curva di Offerta Aggregata si sposta l’alto e la curva di Domanda Aggregata si sposta verso il basso
· Le due curve non si spostano
· Le due curve si spostano verso l’alto
· Nessuna delle precedenti è veritiera
_______________________
GR: NO

Comment by luigi cottino

se le aspettative sulla produttività si aggiustano gradualmente la curva WS è data dalla relazione
1) W/PAe= F(u,z)
2) W/P=AeF(u,z)
3) W/P=F(u,Ae,z)
4) W/P=F(u-Ae,z)
5) W/P=F(u,z)
____________________________
GR: Si’

Comment by Gian Luca Olivero

Di quanto è aumentato il prodotto pro capite negli USA dal 1990 al 2000:
A) 10%
B) 8%
C) 6%
D) 5%
E) 4%

Comment by Andreolotti Roberta

Lezione 13 Corretta

Cosa provoca ai lavoratori un cambiamento strutturale?

1. Un aumento di salario
2. Un cambiamento di orario
3. Per i lavoratori in possesso di qualifiche meno richieste, può significare disoccupazione e salari inferiori
4. Per i lavoratori in possesso di qualifiche più richieste, può significare disoccupazione e salari inferiori
5. Ai lavoratori non provoca nessun cambiamento
_________________________
GR: Si’

Comment by Noemi Benedetto

Nella formula della produzione Y=AN cosa rappresenta A?
1) Può solo rappresentare lo stato della tecnologia;
2) Può solo rappresentare la produttività del lavoro;
3) Rappresenta l’occupazione;
4) Può rappresentare sia il progresso tecnologico che la crescita della produttività;
5) Può rappresentare sia l’occupazione che lo stato della tecnologia.
__________________________
GR No. Nessuna giusta.

Comment by Cinzia Peretti matr. 304234

Un BOOM ECONOMICO è generato da:
1) Aumento di tecnologia e aumento di costi;
2) Domanda inferiore dovuta a maggiori costi;
3) Minore occupazione e domanda inferiori;
4) Minori costi e domanda più elevata;
5) Maggiore occupazione, domanda più elevata.
__________________________________
GR: Si’

Comment by Cinzia Peretti matr. 304234

SE AUMENTA LA PRODUTTIVITà, CIò CHE EFFETTO AVRà SULL’OFFERTA AGGREGATA? SEGNARE LA RISPOSTA ERRATA
a) si ridurrà il costo del lavoro per unità di prodotto
b) produrre diventerà meno costoso
c) le aziende, a parità di prezzo offriranno di più
d) l’AS si sposterà a destra
e) la curva dell’offerta aggregata spostandosi verso l’alto indichera` un aumento di prezzi e produzione
______________________________
GR: Si’

Comment by Manuela Giacomino

PARTENDO DALLA FORMULA P=(1+μ)W/A, CALCOLARE W SAPENDO CHE P=1; μ=0,10 E A=0,5.
a) 0,05
b) 5
c) 0,15
d) 0,5
e) 15
________________________________
GR: SI’

Comment by Manuela Giacomino

cosa si intende per disoccupazione tecnologica:
A)si tratta della disoccupazione relativa ad una scarsità dello stato tecnologico
B)si tratta della disoccupazione derivante dall’incapacità d’utilizzo del sistema tecnologico
C)si tratta della disoccupazione relativa al miglioramento dello stato tecnologico;
D)si tratta della disoccupazione che più risente di una scarsità d’applicazione dei miglioramenti tecnologici;
E)si tratta della disoccupazione indotta da adeguamenti tecnologici insufficienti
___________________________
GR: NO. L’espressione “Stato tecnologico” e` assai poco usata. Magari puo’ parlare anche di cambiamenti della produttivita` del lavoro.

Comment by Luana Pautasso Grosso

NELLA DOMANDA:
Nella formula della produzione Y=AN cosa rappresenta A?
1) Può solo rappresentare lo stato della tecnologia;
2) Può solo rappresentare la produttività del lavoro;
3) Rappresenta l’occupazione;
X) Può rappresentare sia il progresso tecnologico che la crescita della produttività;
5) Può rappresentare sia l’occupazione che lo stato della tecnologia.
LA RISPOSTA 4 ERA QUELLA ESATTA.
_____________________________________
GR: NO, le confermo che nemmeno la 4 e` esatta. Leggere pagina 276 del libro per saperne di piu’.

Comment by Cinzia Peretti matr. 304234

Che effetto ha sui lavoratori un cambiamento strutturale?
a) Un cambiamento di orario
b) un aumento di salario
c) ai lavoratori non provoca nessun cambiamento
d) per i lavoratori in possesso di qualifiche meno richieste, può significare disoccupazione e salari inferiori
e) per i lavoratori in possesso di qualifiche più richieste, può significare disoccupazione e salari inferiori
__________________________________
GR
Bene

Comment by Marco Cerabona

Nel medio periodo che ruolo hanno le aspettative?
1- se le aspettative di prezzo e produttività sono corrette la disoccupazione cresce
2- se sono corrette la curva dei prezzi e dei salari si muovono allo stesso modo e quindi la disoccupazione non cambia
3- se le aspettative di prezzo sono sbagliate l’equazione dei salari aumenta maggiormente di quella dei prezzi
4- se le aspettative di produttività sono errate la disoccupazione sarà minore
5- la disoccupazione può diminuire solamente se sia le aspettative di prezzo che di produttività sono esatte
_________________________________
GR: SI’

Comment by Riccardo Cottone

Il tasso naturale di disoccupazione (trovare l’affermazione sbagliata):
1- E’ determinato dalle equazioni dei prezzi e dei salari e dalla condizione che le aspettive dei prezzi e della produttività siano corrette;
2- Un aumento della produttività sposta sia l’equazione dei salari sia quella dei prezzi nella stessa proporzione e quindi non ha nessun effetto sul tasso naturale di disoccupazione;
3- Dipende in maniera positiva dal fattore di mark-up;
4- La condizione principale è che Pe=P e Ae=A;
5- Non dipende in nessuna maniera dal mark-up
__________________________
Si’

Comment by Daniela Chirico

Gli Stati Uniti hanno registrato una crescente disuguaglianza salariale. Quale affermazione è esatta?
1)La sola causa è il commercio internazionale
2)Le principali cause sono il commercio internazionale e il progresso tecnologico orientato al lavoro qualificato
3)Risale agl’ultimi 40 anni
4)Il salario reale è diminuito soltanto in termini relativi
5)Risale agl’ultimi 50 anni
__________________________
GR: Si’

Comment by Besso Pianetto Stefano

Dato Pe = P e Ae ≠A indicare la risposta falsa:
-nel breve periodo non vi sono relazioni sistematiche tra le fluttuazioni della produttività e le fluttuazioni della disoccupazione.
-se la crescita della produttività diminuisce A aumenta più lentamente, ma per qualche tempo Ae aumenta più di A.
-nel medio periodo se vi è una relazione tra le fluttuazioni essa è sempre negativa.
– l’equazione dei salari diminuisce più dell’equazione dei prezzi ed il tasso naturale di disoccupazione diminuisce fino a che Ae = A
-nel medio periodo una minor crescita della produttività sembra generare una disoccupazione più elevata.
____________________
No, come minimo e` mal scritta.

Comment by Luana Pautasso Grosso

il tasso naturale di disoccupazione:
1. dipende positivamente dal fattore mark-up
2. non dipende dal fattore mark-up
3. si ottiene dalla formulazione generale della curva di Philips ipotizzando aspettative inflazionistiche adattive
4. non dipende in alcun modo dalle aspettative sulla crescità della produttività
5. non dipende da un cambiamento strutturale

Comment by eleonora ferrua

CORREZIONE

il tasso naturale di disoccupazione:
(trovare l’affermazione corretta)
1. dipende positivamente dal fattore mark-up
2. non dipende dal fattore mark-up
3. si ottiene dalla formulazione generale della curva di Philips ipotizzando aspettative inflazionistiche adattive
4. non dipende in alcun modo dalle aspettative sulla crescità della produttività
5. non dipende da un cambiamento strutturale

Comment by eleonora ferrua

il tasso naturale di disoccupazione:
(trovare l’affermazione corretta)
1. dipende positivamente da un aggiustamento delle aspettative dei lavoratori sulla crescita della produttività
2. non dipende dal fattore mark-up
3. si ottiene dalla formulazione generale della curva di Philips ipotizzando aspettative inflazionistiche adattive
4. non dipende in alcun modo dalle aspettative sulla crescità della produttività
5. non dipende da un cambiamento strutturale
________________________________________
Si’

Comment by eleonora ferrua

Miglioramento dello stato della tecnologia
1) E’ probabile che conduca a dei semplici guadagni di efficienza
2) Tagli occupazionali
3) Incertezza tra i consumatori
4) Possibile spostamento a destra dell’ AD
5) – AD

_________________
No, poco chiara

Comment by Mirko Panino

Nel medio periodo :
1.non c’è alcuna relazione tra crescita della produttività e disoccupazione;
2.una minor crescita della produttività sembra generare una disoccupazione più elevata e viceversa;
3.una maggior crescita della produttività sembra generare una disoccupazione più elevata;
4.una variazione nella disoccupazione non genera nè una crescita nè una riduzione della produttività;
5.una crescita della produttività non genera alcuna variazione nella disoccupazione.
_________________________
GR: SI’

Comment by Rossana Giasullo

Trovare il corretto legame tra processo tecnologico e lavoro qualificato:
1_nuovi macchinari e nuovi metodi di produzione, richiedono lavoratori sempre meno qualificati che in passato;
2_i nuovi metodi di produzione necessitano di muno lavoratori flessibili e capaci di adattarsi a nuove mansioni;
3_una maggiore flessibilità richiede più capacità e più istruzione;
4_lo sviluppo dei computer richiede lavoratori sempre meno preparati a utilizzarli;
5_il progresso tecnologico è particolarmente accellerato nei Paesi caratterizzati da un lavoro dequalificato.
_____________________________________
NO, come minimo italiano.

Comment by Francesco Conca

Che cosa si intende per CHURNING?
1-Si tratta di un fenomeno secondo cui nel medio periodo il tasso di interesse nominale aumenta nella stassa misura del tasso d’inflazione
2-Si tratta di un processo di cambiamento strutturale determinato dal progresso tecnologico
3-Si tratta del ritorno della produzione verso il suo livello naturale
4-Significa sviluppare nuovi tipi di beni
5-Si tratta di un lavoro di ricerca mirato a rendere commerciabili beni considerati ormai obsoleti
______________________
GR: Si’

Comment by Cristina Boaglio

se le aspettative sono corrette la curva WS è data dalla relazione
1) W/P=F/Ae(u,z)
2) W/P=AF(u,z)
3) W/P=F(u,Ae,z)
4) W/PAe= F(u,z)
5) W/P=F(A,z)
________________________
si’

Comment by Andrea Aglì

Un aumento della produttività nel breve periodo:
1.porta sempre ad un aumento della disoccupazione;
2.fa spostare sempre verso sinistra la curva AD;
3.determina sempre un aumento della domanda perchè vengono introdotte nuove tecnologie che modificano positivamente le attese delle famiglie;
4.determina un aumento del costo dei lavoratori perciò la curva AS si sposta verso il basso;
5.fa spostare verso il basso la curva AS.
_______________________________
GR: SI’

Comment by Roberta Ricotto

Si indichi l’equazione dei prezzi:
• P = W / A
• P = ( 1 + μ) W / A
• P = ( 1 – μ) W / A
• P = W / A + μ
• P = ( 1 + μ) A

—————————————–
Si’

Comment by Umberto Bonanate

Riferimento: capitolo 13 paragrafo 2

Tra le seguenti frasi, individuare quella falsa:

1-L’idea che aumenti più rapidi della produttività conducano a una maggiore disoccupazione non sembra essere confermata, né nella teoria né dai dati.
2-Nel breve periodo, non c’è alcuna ragione per aspettarsi, e nemmeno pare esserci, una relazione sistematica tra le fluttuazioni della produttività e le fluttuazioni della disoccupazione.
3-Nel medio periodo, se c’è una relazione tra le fluttuazioni della produttività e le fluttuazioni della disoccupazione, essa sembra essere positiva.
4-Nel medio periodo una maggiore crescita della produttività sembra generare una disoccupazione più bassa.
5-Nel medio periodo, una minore crescita della produttività sembra generare una disoccupazione più elevata.
______________________________
GR: SI’

Comment by Riccardo Cavazzana

Si indichi l’equazione dei salari:
• W/P = AeF(u,z)
• P/W = AeF(u,z)
• PW = AeF(u,z)
• W/P = F(u,z)
• W/P = Ae

Comment by Umberto bonanate

Le aspettative di crescita tecnologica sono state eccessive…( indicare quella falsa )
1) Magari perchè nel frattempo il tasso di crescita tecnologica è diminuito
2) le richieste salariali sono eccessive
3) conducono ad un aumento della disoccupazione
4) c’è crescita occupazionale
5) gli imprenditori non saranno soddisfatti

Comment by Mercurio Marco

Quale tra le seguenti affermazioni è ERRATA?

1. Il progresso tecnologico non è un processo uniforme in cui tutti i lavoratori ne escono avvantaggiati
2. Il progresso tecnologico è detto anche churning
3. Vi sono fondate ragioni per affermare che il progresso tecnologico provochi sempre maggiore disoccupazione
4. Il progresso tecnologico necessita di lavoro qualificato
5. Il progresso tecnologico è un processo di cambiamento strutturale
_______________________________
Si’

Comment by Amparore Elisa

con riferimento alla crescente disuguaglianza salariale degli stati uniti, trovare l’affermazione sbagliata:
1)negli anni Ottanta, l’fferta relativa di lavoro qualificato ha continuato ad aumentare ma non tanto velocemente da soddisfare la sempre crescente domanda relativa
2) la causa principale sta nell’incremento costante della domanda di lavoro qualificato
3)era presente anche negli anni sessanta
4)era presente anche negli anni 50
5)il commercio internazionale e il progresso tecnologico orientato al lavoro qualificato spiegano il continuo spostamento della domanda relativa
________________________
GR: No, editing o forma carente

Comment by mariantonia filardo

Domanda corretta
Facendo riferimento alla crescente disuguaglianza salariale degli Stati Uniti negli ultimi venti anni, trovare l’affermazione sbagliata:
1)dai primi anni ottanta, i salari relativi dei lavoratori con alti livelli di istruzione sono aumentati nel tempo
2)dai primi anni ottanta, i salari relativi dei lavoratori con bassi livelli di istruzione sono diminuiti nel tempo
3)tra le cause di questa crescente disuguaglianza, i più ritengono che la causa principale sta nell’incremento costante della domanda di lavoro qualificato
4)la causa di questa crescente disuguaglianza e’ l’ aumento costante della domanda di lavoro qualificato
5)il commercio internazionale e il progresso tecnologico orientato al lavoro qualificato spiegano il continuo spostamento della domanda relativa
_______________________________________________________
GR:SI’

Comment by mariantonia filardo

Trovare l’affermazione falsa:
-l’offerta aggregata descrive gli effetti della produzione sul livello dei prezzi
-la domanda aggregata descrive gli effetti del livello dei prezzi sulla produzione
-l’offerta aggregata è la curva AS
-i periodi di crescita elevata della produttività sono associati a un tasso di disoccupazione inferiore
-il progresso tecnologico e il tema della “distruzione creatrice” sono sviluppati da Samuelson, economista di Harvard
__________________
Si’

Comment by Ilaria Novaretti

capitolo 13
Come diventa l’equazione dei prezzi se in essa viene introdotta A (ossia la produttività)?
1) P=(1+μ) * W/A
2) P=(1+μ) * A
3) P=(1+μ) * A/W
4) P=(1+μ) – W/A
5) P=(1+μ) + W/A

Comment by Oliveri Viviana

capitolo 13
Che cosa comporta un cambiamento strutturale nei confronti dei lavoratori?
1)non comporta nessun cambiamento.
2)un cambiamento di orario.
3)per i lavoratori che possidono qualifiche più richieste può comportare disoccupazione e salari inferiori.
4)per i lavoratori che possidono qualifiche meno richieste può comportare disoccupazione e salari inferiori.
5)un aumento del salario.
___________________________
No.
Non credo che si possa dire che qualcosa comporti “nei confronti” di qualcuno.
Possidono (2 volte) non va bene.

Comment by Oliveri Viviana

Negli ultimi 25 anni gli Stati Uniti hanno registrato una crescente disuguaglianza salariale. Individua l’affermazione errata:
1)il salario reale dei lavoratori non qualificati è diminuito non solo rispetto al salario dei lavoratori qualificati,ma anche in termini assoluti;
2)le due cause principali sono il commercio internazionale e il progresso tecnologico orientato al lavoro qualificato;
3)i lavoratori con bassi livelli di istruzione hanno visto il loro salario aumentare;
4)per le persone occupate nei settori in declino il progresso tecnologico ha significato salari più bassi o disoccupazione;
5)il salario relativo di coloro che hanno un diploma di studi post-universitari è aumentato del 25% dai primi anni Ottanta.
________________________________________
Si’

Comment by Bonansea Alice

Un aumento della produttività:
1)Aumenta il lavoro necessario per produrre un’unità di prodotto
2)Aumenta i costi di produzione
3)La curva di offerta aggregata si sposta verso l’alto
4)La curva di offerta aggregata di sposta verso il basso
5)Non ha ripercussioni sull’occupazione
______________________________________
Si’

Comment by Martina Lesna

Individuare la risposta corretta.
Gli effetti di un aumento della produttività sulla produzione nel breve periodo
a)Un aumento della produttività porta sempre ad un aumento della disoccupazione
b)Con un aumento della produttività la curva AS si sposta verso il basso
c)Con un aumento della produttività la curva AD si sposta sempre verso destra
d)La curva AD può spostarsi verso destra (e quindi aumentare la produzione) in seguito ad un processo di ridimensionamento
e)Un aumento della produttività porta sempre ad una diminuzione della disoccupazione.
____________________________
Si’

Comment by Galfione Nadia

I salari bassi sono dovuti…( segnare quella errata )
1 prezzi elevati rispetto ai salari
2 poca concorrenza in vari settori
3 bassi risultati scolastici
4 prezzi bassi rispetto ai salari
5 dalla competizione internazionale

Comment by Mercurio Marco

In presenza di progresso tecnologico
1-La variazione percentuale dell’occupazione = variazione%della produzione + variazione%della produttività,
2-cresce il prodotto,ma non varia mai la struttura dell’economia,
3-se si tratta dell’uso più efficiente di una tecnologia esistente,la domanda aggregata cresce sempre,
4-le aspettative circa la crescita della produttività non influenzano il tasso naturale di disoccupazione,
5-la variazione%dell’occupazione = variazione%della produzione – variazione%della produttività
___________________________________
Si’

Comment by christian brusa

CAP 13
In riferimento alla funzione di produzione Y = A/N, cosa è errato sostenere nel breve periodo?
1.Aumenti di A rappresentano indifferentemente : progresso tecnologico o crescita della produttività (del lavoro)
2. A = Y/N è la produttività dal lavoro (prodotto per addetto)
3.Prodotto per addetto e stato della tecnologia coincidono perché ignoriamo il ruolo del capitale nella produzione
4.Con uno stato della tecnologia costante, aumenti del capitale non provocano aumenti del prodotto per addetto
5.Data la produzione, quanto maggiore è il livello di produttività tanto maggiore è il livello di occupazione
____________________________________
No

Comment by Carmelina Pecoraro

LEZIONE 13: (Rif. Cap. 13.3)

Quale delle seguenti affermazioni risulta ERRATA?

1. Una maggior crescita della moneta fa diminuire i tassi d’interesse nominali nel breve periodo
2. Una maggior crescita della moneta fa aumentare i tassi d’interesse nominali nel medio periodo
3. Una maggior crescita della moneta fa diminuire i tassi d’interesse reali nel breve periodo
4. Una maggior crescita della moneta influenza certamente i tassi d’interesse reali nel medio periodo
5. Una maggior crescita della moneta influenza certamente i tassi d’interesse reali nel breve periodo
___________________________
Si

Comment by Grande Leamorena

LEZIONE 13:

– Negli Stati Uniti, a partire dai primi anni ’80 (trovare l’affermazione corretta):
a) Il salario relativo dei lavoratori forniti di un diploma di studi post-universitari è aumentato del 10 %
b) Il salario relativo dei lavoratori forniti di un diploma di studi post-universitari è rimasto sostanzialmente invariato
c) Il salario relativo dei lavoratori che non hanno terminato la scuola superiore è aumentato del 5 %
d) Il salario relativo dei lavoratori forniti di un diploma di studi post-universitari è aumentato del 25 %
e) Il salario relativo dei lavoratori che non hanno terminato la scuola superiore è rimasto sostanzialmente invariato
_____________________________
Si’

Comment by Stefano Bor

CAPITOLO 13
Considerando la situazione di BOOM ECONOMICO, indicare l’affermazione corretta:

1) l’occupazione sicuramente aumenta
2) graficamente si ha uno spostamento della curva AD verso sinistra
3) gli effetti sull’occupazione sono incerti
4) sicuramente non siamo nel caso in cui gy = ga
5) sicuramente non siamo nel caso in cui gy < ga
_____________________
Si’

Comment by Elisabetta Cirino

Lezione 13

Quale delle seguenti affermazioni, concernenti la disuguaglianza salariale, è falsa?

1. Una crescente disuguaglianza salariale significa costante aumento del salario relativo dei lavoratori qualificati rispetto ai lavoratori non qualificati;
2. Una maggior disuguaglianza salariale non significa aumento della disoccupazione;
3. Si ha disuguaglianza salariale quando un decremento costante della domanda relativa di lavoro qualificato, non è compensato da un aumento altrettanto veloce dell’offerta relativa di lavoro qualificato;
4. Per gli Stati Uniti, dove è presente una forte disuguaglianza salariale, graficamente si può osservare una “forbice salariale” che si allarga sempre di più a partire dai primi anni Ottanta;
5. La disuguaglianza salariale non è necessariamente una tendenza irreversibile.
__________________________
Si’

Comment by Valeria Angrisani

Quale di queste affermazioni riguardanti la teoria di Joseph Alois Schumpeter è errata:

– le fasi di trasformazione sotto la spinta di innovazioni maggiori vengono definite di “distruzione creatrice”
– lo sviluppo tecnologico genera un drastico processo selettivo nel quale molte aziende spariscono, altre nascono e altre si rafforzano
– lo sviluppo tecnologico genera nuovi processi produttivi che a loro volta generano nuovi occupati
-attraverso lo sviluppo tecnologico i vecchi processi produttivi e le vecchie conoscenze diventano obsolete
– lo sviluppo tecnologico genera nuovi processi produttivi ma le competenze rimangono invariate
_____________________________
Si’

Comment by Stefano Rovetto

LEZIONE 13
Considerando l’equazione estesa dei salari “W=Ae Pe F (u,z)” (con “e” apice) quale delle seguenti affermazioni sulle aspettative è errata?
1.I lavoratori quando contrattano tengono conto non solo dei prezzi attesi, ma anche delle loro attese di crescita della produttività.
2.Più le attese di crescita della produttività sono elevate, maggiori sono i salari richiesti dai lavoratori.
3.Se le aspettative sono corrette, crescerà il reddito tanto quanto la produttività.
4.Se le aspettative sono corrette, la disoccupazione ed i salari resteranno invariati.
5.Se le aspettative sono corrette, la disoccupazione resterà invariata, ma i salari cresceranno.
___________
Si’

Comment by Simona Coero Borga

LEZIONE 13
Quale delle seguenti affermazioni sul salario reale è falsa?
1.Il salario reale derivante dalla fissazione dei prezzi è indipendente dal tasso di disoccupazione;
2.Nella condizione in cui le aspettative sono corrette, il salario reale dipende sia dal livello di produttività sia dal tasso di disoccupazione;
3.Il salario reale pagato dalle imprese aumenta uno ad uno con la produttività: infatti quanto maggiore è il livello di produttività, tanto minore è il prezzo fissato dalle imprese a parità di salario nominale e quindi maggiore è il salario reale che le imprese pagano;
4.Poichè i lavoratori sono interessati al salario reale, non al salario nominale, i salari non dipendono dal livello atteso dei prezzi;
5.Il salario reale risultante dalla determinazione dei salari è una funzione decrescente del tasso di disoccupazione, nel caso in cui sono modificate le aspettative.
________________________________
NO: come minimo ci sono problemi con l’italiano

Comment by Perrotti Daniela

LEZIONE 13

Uno dei fattori nelle spiegazioni del posto
occupato dagli Stati Uniti sul fronte avanzato
dell’economia mondiale nel loro livello di
tecnologia nel XX secolo è il fatto che gli
Stati Uniti:

– hanno avuto un eccezionale impegno
nell’egualitarismo;
– hanno avuto un eccezionale impegno
nell’istruzione;
– hanno avuto un vasto impero coloniale;
– hanno avuto una grande crescita demografica;
– si sono sviluppati con bassi dazi doganali di importazione e pochissimo capitale estero.

Comment by Gianni La Malfa

LEZIONE 13

Uno dei fattori nelle spiegazioni del posto occupato dagli Stati Uniti sul fronte avanzato dell’economia mondiale nel loro livello di tecnologia nel XX secolo è il fatto che gli Stati Uniti:
– hanno avuto un eccezionale impegno nell’egualitarismo;
– hanno avuto un eccezionale impegno nell’istruzione;
– hanno avuto un vasto impero coloniale;
– hanno avuto una grande crescita demografica;
– si sono sviluppati con bassi dazi doganali di importazione e pochissimo capitale estero.

Comment by Gianni La Malfa

LEZIONE 13
Il lavoro poco qualificato:
1) ha una domanda crescente nel corso degli anni;
2) è minacciato da tecnologia e concorrenza internazionale;
3) è remunerato come il lavoro qualificato;
4) non subisce mai alcuna conseguenza nel caso un cui varia la domanda di lavoro qualificato;
5) è una delle maggiori cause di disoccupazione
_________________________________________
si’

Comment by Monica Guidetti

Lezione 13
In equilibrio se la crescita tecnologica supera le attese:
1.Conduce sicuramente ad aumenti del tasso naturale di disoccupazione;
2.Non c’è crescita occupazionele;
3.Conduce sicuramente a diminuzioni del tasso naturale di disoccupazione;
4.Provoca crescita occupazionale riassorbita quando le attese diventano corrette;
5.Provoca crescita occupazionale non riassorbita anche se le attese diventano corrette.

Comment by Costa Andrea

Quale delle seguenti affermazioni sulla produttività del lavoro è errata:
1.un aumento del livello di produttività sposta la curva AS verso il basso
2.se l’aumento di produttività è provocato dall’uso più efficiente di una tecnologia esistente, la curva AS si sposta verso l’alto
3.è indicata con A
4.quanto maggiore è il livello di produttività, tanto minore è il livello di occupazione
5. se l’aumento di produttività deriva da un’innovazione tecnologica, la curva AD si sposta verso l’alto

Comment by Carmen Scruci

Quali sono gli effetti di un aumento esogeno della produttività sulla crescita della produzione e dell’occupazione?
a) Positivi: un aumento della produttività genera sempre un aumento della produzione che determina a sua volta un aumento dell’occupazione e quindi una diminuzione della disoccupazione
b) Negativi: un aumento della produttività non genera un aumento della produzione e quindi la disoccupazione rimane sempre elevata a causa dell’eccesso di offerta di lavoro rispetto alla domanda di lavoro
c) Positivi sulla produzione e negativi sull’occupazione: un aumento della produttività determina un aumento della produzione e un aumento della disoccupazione a causa dell’eccesso di offerta di lavoro rispetto alla domanda di lavoro
d) Positivi solo sulla produzione: un aumento della produttività determina un aumento della produzione ma l’occupazione rimane invariata e quindi anche la disoccupazione
e) Incerti: in alcuni casi la disoccupazione aumenta, in altri la variazione della produzione è tale da far aumentare l’occupazione

Comment by Adriana Bertin

RIF CAP. 13

Indicare tra le seguenti l’affermazione ERRATA.

1- Nel breve periodo non sembra esserci una relazione tra le variazioni della produttività e le variazioni della disoccupazione;

2- Il salario reale W/P derivante dalla determinazione dei salari è una funzione decrescente del tasso di disoccupazione;

3- I salari dipendono anche dal livello atteso della produttività;

4- Nell’ equazione P=(1+μ)W/A, un aumento di produttività fa salire i costi e quindi il livello dei prezzi (a parità di salario nominale);

5- Nel medio periodo una minor crescita della produttività genera una disoccupazione più elevata.

Comment by Tiziana Brundo

capitolo 13
Qual è l’equazione del salario reale derivante dalla fissazione dei prezzi, quando si considera esplicitamente la produttività?
1) W/P=A/1+markup
2) W/P=1+markup/A
3) W/P=A/1-markup
4) W/P=A/1*markup
5) W/P=1*markup/A

NB Le aspettative sono da considerarsi corrette (Pe=P ed Ae=A)
___________________________________
si’

Comment by Viviana Oliveri

CAPITOLO 13
Quale misura è adatta per misurare la disuguaglianza nei redditi a livelli eccezionalmente elevati di reddito?
1) I salari
2) I redditi da capitale e le plusvalenze finanziarie
3) I salari derivanti da lavoro qualificato
4) Le rendite
5) Solo gli interessi

Comment by Mattia Tripodi

Non chiara

Comment by gustavorinaldi

No.

Comment by gustavorinaldi

Nell’ipotesi che la produzione sia data dalla funzione Y=AN un aumento di A cosa rappresenta?
1) Può solo rappresentare un aumento della produttività del lavoro
2) Può solo rappresentare una diminuzione solo della produttività del lavoro
3) Può rappresentare un aumento della produttività del lavoro oppure un progresso tecnologico
4) Può rappresentare un aumento dell’occupazione

Comment by Rinaudo Davide

No: le risposte devono essere 5.

Comment by gustavorinaldi

Nella formula Y= Y(C-T) + I(r+x, Y) + G con r=r*, dove r* è il tasso di policy e x il premio per il rischio, da cosa dipende l’investimento?
1) Dal tasso d’interesse sui prestiti, che è minore del tasso di policy aumentato del premio per il rischio, e dalle vendite.
2) Dal tasso d’interesse sui prestiti, che è maggiore del tasso di policy aumentato del premio per il rischio, e dalle vendite.
3) Dal tasso d’interesse sui prestiti, che è uguale al tasso di policy aumentato del premio per il rischio, e dalle vendite.
4) Dal solo tassi d’interesse.
5) Dalle sole vendite.

Comment by Rinaudo Davide

No, erronea.

Comment by gustavorinaldi

Da chi è determinato il tasso di policy?
1) Dalla banca centrale nazionale.
2) Dal ministro dell’economia e delle finanze.
3) Dalla BCE.
4) Dalle cinque banche nazionali ritenute di maggior rilevanza dalla BCE per quanto riguarda il tasso di policy nazionale.
5) Dalle tre banche della zona euro considerate di maggior rilevanza dalla BCE.

Comment by Rinaudo Davide

Comment by gustavorinaldi




Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s



%d bloggers like this: